TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

GlenDronach 19 yo (1993/2012, OB for Milano Whisky Festival, cask #1617, 57,2%)

I ragazzi del Milano Whisky Festival, si sa, sanno scegliere le loro botti: ricordiamo ad esempio un Ardbeg da panico, o un ottimo Caol Ila che sappiamo aver avuto grande successo… Quando l’anno scorso hanno scelto una botte di GlenDronach (che peraltro loro stessi hanno contribuito a far conoscere al pubblico milanese, in diverse degustazioni), nessuno aveva dubbi che sarebbe andato a ruba né che sarebbe stato di alta qualità. Noi abbiamo finito con calma la nostra bottiglia, non senza salvare un sample per la bevuta di oggi. In alto i calici!

zoom_30810251_glendmwf1800N: pure se a più di 57 gradi, l’alcol si sente ma senza pungere troppo. Le tipiche note un po’ sporche di GlenDronach appaiono qui assenti, o per lo meno molto deboli (e qui si tratta di legno umido, di cantina…). Si tratta di una botte ‘scura’: la frutta non è fresca, ma sotto spirito, con ciliegia / amarena davvero in primissimo piano; cioccolato fondente (l’effetto è mon cheri…), liquirizia. Importante la componente agrumata (chinotto); prugne secche? Chiodi di garofano / noce moscata. L’acqua attenua le punte alcoliche e apre, con un cioccolato più aperto e intenso; note di crema di nocciola (Nutella?).

P: l’alcol qui è più evidente, e con esso esplodono tannini davvero esuberanti, quasi troppo. L’effetto complessivo non è certo di sperticata dolcezza, ma di austera legnosità: intendiamoci però, ci sono vere bombette di mon cheri, di ciliegia, di arancio, di caramello, di caffè… Molto compatto; l’acqua è indispensabile perché annega le asperità dei tannini, ammorbidendo e rendendo tutto più cremoso e fruttato (frutta secca, zuppa inglese…). Buono, sì. Tiramisù? Caffè?

F: latte zuccherato, frutta secca, frutta rossa… Esaltante, intenso e lunghissimo. Che finale!

I GlenDronach sanno essere scurissimi, dei veri sherry monster fatti e finiti; questo si allinea perfettamente ad altri due single cask del 1993 (#1607 e #1617) che avevamo assaggiato tempo fa, sempre grazie all’intercessione dei prodi Andrea e Giuseppe. La distilleria, lo diciamo sempre a tutti, fino alla nausea, è tra quelle che negli ultimi anni ha saputo lavorare meglio, o per lo meno ha saputo mettere in commercio botti di sherry di altissima qualità: questa non è da meno, e 88/100 sarà il suo voto meritato (la pensa così anche l’amico Andrea).

Sottofondo musicale consigliato: Bettye LavetteJoy.
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=lJmH8zBmbc8&w=610&h=458]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “GlenDronach 19 yo (1993/2012, OB for Milano Whisky Festival, cask #1617, 57,2%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com