TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Ardbeg 12 yo 1992/2004 (46%, Silver Seal for Collecting Whisky)

Domani inizia il Milano Whisky Festival, e lì Giuseppe Gervasio Dolci e Andrea Giannone, i due storici organizzatori della kermesse, presenteranno alcune delle nuove bottiglie da loro selezionate; quest’oggi affrontiamo quella che riteniamo essere una delle loro migliori ‘scoperte’, ovvero un Ardbeg maturato in botti di sherry (come si evince subito dal colore, molto scuro) e ormai praticamente introvabile dato che ne esistevano solo 120 bottiglie (non è vero! qui si trova ancora, costa 150 euro).

N: notevolissima influenza dello sherry; si sente un po’ di torba, per nulla aggressiva e sullo sfondo, ma manca l’affumicatura. Ardbeg, dove sei? Lo sherry intanto porta: arancia, non candita; uvetta; molto dolce, davvero. Ha un leggero sentore di carne (tipica di certi Springbank / Longrow) ma molto gradevole e per nulla respingente; note di prugne cotte, noce moscata. Molto buono, molto complesso, in continua evoluzione.

P: ok, ecco l’Ardbeg. Si sente la tipica torbatura degli Ardbeg, molto forte, ma che non sovrasta gli altri sapori: un sacco di frutti rossi (lampone?) soprattutto. Il dolce, però, man mano evolve verso il legnoso, l’affumicato, il torbato. Verso la fine arriva quel salato marino che è peculiare dei malti di Port Ellen. Molto secco. Squisito e bevibilissimo, non si sente mai la necessità di aggiungere acqua.

F: habemus finish. Media durata. Siamo su un legno dolce, secco; è lontana certa trionfale brutalità degli Ardbeg, questo è un finish molto delicato; da capogiro il modo in cui, alla fine, senza accorgerti ti ritrovi le labbra salate.

L’effetto che le botti di sherry fanno sui whisky torbati di Islay è spesso imprevedibile: talvolta ci si trova di fronte a un prodotto ostico e imbevibile, talvolta a dei gioielli di equilibrio e complessità. Questo decisamente appartiene alla seconda categoria: un giovane Ardbeg veramente squisito, gentile, dolce, bilanciato.

Consigliatissimo: 90/100, se non di più… Se volete anche l’opinione di un vero fuoriclasse della degustazione, qui trovate la recensione di Serge Valentin.

Sottofondo musicale consigliato: UlverPlates 5-6, dall’album Marriage of heaven and hell; un piccolo capolavoro sconosciuto, che mette in musica – appunto – il Marriage of heaven and hell di William Blake.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=bNp8Aonjv8k?rel=0&w=610&h=25]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “Ardbeg 12 yo 1992/2004 (46%, Silver Seal for Collecting Whisky)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com