TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Highland Park 18 yo (OB, 43%)

Questo whisky, proveniente dalla distilleria situata più a Nord della Scozia, sulle isole Orcadi, è un esempio magistrale di bilanciamento e complessità, e rappresenta nel portfolio della distilleria la sintesi perfetta tra gioventù (12 e 15 anni) e maturità (25, 30 e 40 anni).

N: a un primo approccio c’è di tutto e di più. Si sente la (solita) pera e un che di acidino, oscillante tra l’agrumato e la mela verde. Piacevolissime le note di toffee e burro. Dopo qualche minuto di ossigenazione si scatena un putiferio olfattivo: frutta secca, soprattutto, frutta matura, che in qualche modo richiama gli odori dei grandi pasti familiari, con il centrotavola imbandito di frutta profumata.

P: compaiono in prima istanza le note acide e fruttate, con prevalenza di sherry e ancora frutta secca. Emerge poi un sapore delizioso di legno di botte che accompagna una lieve affumicatura e una torba molto delicata. Va detto, e non come critica, che al palato sembra essere meno dolce di quanto lasci immaginare il naso, per quanto una nota di miele emerga qua e là. In generale questo Higland Park tende a seccare la bocca verso il finish e la gamma dei sapori sembra esaurirsi in fretta a vantaggio di una legnosità e una torbatura raramente così armoniche e godibili.

F: è di media durata e intensità e proprio mentre si rimane coccolati da un sottofondo di toffee e dalla persistenza di legno affumicato (liquirizia, a tratti), questo malto regala un’ultima sorpresa: un che di salato sulle labbra, una sensazione accennata, forse una suggestione proveniente direttamente dal profondo Nord oceanico.

L’apporto delle botti di sherry (accuratamente selezionate: la distilleria spende circa 10 milioni di sterline all’anno per la selezione del legno…), pur essendo molto delicato, è decisivo e rende questo malto davvero saporito. Le note intense e persistenti che i 18 anni di invecchiamento conferiscono al distillato sono impreziosite dal carattere isolano del whisky: lieve affumicatura e sensazioni marine. La leggera torbatura che si sente negli Highland Park è poi del tutto peculiare, dato che sull’isola non crescono alberi dal Neolitico (così almeno ci dice la preziosissima malt whisky yearbook). Anche per l’ottimo rapporto qualità/prezzo (siamo tra i 50 e i 60 euro), questo Highland Park è tra i must have di chiunque voglia costruire una cantina di whisky, piccola o grande che sia; risulta infatti difficile, opinione personalissima ça va sans dire, arrivare a stancarsene, grazie ai mille spilli da cui si è punzecchiati durante la degustazione. 88/100 è la nostra sentenza; se volete opinioni di altri, potete provare qui (Serge) o qui (Ruben).

Sottofondo musicale consigliato: The knife Pass this on, dall’album Deep Cuts.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

4 thoughts on “Highland Park 18 yo (OB, 43%)

  1. […] Il 15 anni è a nostro giudizio solo leggermente migliore rispetto al più giovane compare: è lievemente più complesso e più strutturato, ma ancora dobbiamo rilevare come a un naso soft ma intrigante non segua un palato altrettanto strutturato. Probabilmente entrambi i malti, comunque di buon livello, potrebbero trarre giovamento da una gradazione un po’ più alta: ma chi siamo noi per dare suggerimenti all’Highland Park? Nessuno, appunto, e quindi ci limitiamo a registrare la nostra valutazione: 83/100. Serge ha assaggiato batch diversi sia del 12 che del 15 anni, si possono trovare e scegliere qui; segnaliamo anche la bella pagina che Jeff di scotchhobbyist.com dedica a un confronto tra i due whisky (cui si aggiunge il 18 anni, che noi abbiamo recensito qui). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com