TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Highland Park 12 yo – 15 yo

Un post congiunto per le due versioni più giovani del core range di Highland Park, in modo tale da poter provare a riscontrare le differenze tra due prodotti-base piuttosto simili. Entrambe le espressioni sono un mix di botti ex-sherry ed ex-bourbon, con il 15 anni che vede una percentuale maggiore di ex-bourbon, ed entrambe hanno colore dorato chiaro (il 15 è solo lievemente più scuro).

Highland Park 12 yo (2011, OB, 40%)

N: il naso è piuttosto fresco e floreale (erica, sarà suggestione?), se pure complessivamente gli aromi restano piuttosto sfumati. A dispetto della gradazione, l’alcol si sente, fin troppo. Una nota agrumata molto lieve (limone, forse un pochino d’arancia) si combina con il miele tipico dell’HP. Mandorla, a tratti, frutta secca.

P: leggero (ah, se la gradazione fosse più alta…), ci si muove tra sfumature e non tra sapori forti. L’apporto della quota di sherry è un po’ più presente, con lieve tabacco e un po’ di frutta (mela). Il floreale del naso scompare, mentre la dolcezza è tutta su miele e agrumi (diciamo miele all’arancia? Ma anche no). Leggerissima affumicatura verso la fine, con un’altrettanto tenue nota minerale.

F: non particolarmente lungo, tra una dolcezza un po’ vaga e l’emergere di una flebile spezia.

Non male nel complesso, anche se – come dire – sembra un po’ annacquato. Godibile, va giù come niente, ma le sensazioni sono tutte molto sfumate, fin troppo deboli, forse. Considerando anche il prezzo (basso: 30 euro, circa), nella nostra valutazione non andremmo oltre a 81/100. Un HP da aperitivo.

Highland Park 15 yo (2010, OB, 40%)

N: l’intensità degli aromi è leggermente più decisa: il floreale di prima si attenua e al contempo aumenta il lato fruttato (pesca gialla?) e in particolare agrumato. Arancia caramellata, ancora limone; il solito miele è presente, ma si aggiungono vaniglia (la quota di quercia americana è maggiore, si diceva…) e forse liquirizia. Burro caldo, un po’ di toffee. Lieve affumicatura sullo sfondo.

P: quel che spicca, in un contesto solo lievemente più intenso rispetto al 12 anni, è la frutta, e gli agrumi in particolare si guadagnano il loro spazio (arancia candita, diremmo). Più speziato (pepe), più ‘legnoso’ e più affumicato rispetto al 12, che però al palato era davvero debole. Tende all’amarognolo muovendo verso il finish; continuiamo a rimpiangere una gradazione più alta…

F: non lunghissimo, prevale la liquirizia; frutta secca, ritorna il miele in gioco.

Il 15 anni è a nostro giudizio solo leggermente migliore rispetto al più giovane compare: è lievemente più complesso e più strutturato, ma ancora dobbiamo rilevare come a un naso soft ma intrigante non segua un palato altrettanto strutturato. Probabilmente entrambi i malti, comunque di buon livello, potrebbero trarre giovamento da una gradazione un po’ più alta: ma chi siamo noi per dare suggerimenti all’Highland Park? Nessuno, appunto, e quindi ci limitiamo a registrare la nostra valutazione: 83/100. Serge ha assaggiato batch diversi sia del 12 che del 15 anni, si possono trovare e scegliere qui; segnaliamo anche la bella pagina che Jeff di scotchhobbyist.com dedica a un confronto tra i due whisky (cui si aggiunge il 18 anni, che noi abbiamo recensito qui).

Sottofondo musicale consigliato: CakeLong time, dall’album Showroom of compassion.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

4 thoughts on “Highland Park 12 yo – 15 yo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com