TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

Allt-a-Bhainne(1)

AnCnoc(6)

Ardbeg(55)

Ardmore(17)

Ardnamurchan(2)

Arran(24)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(8)

Aultmore(7)

Balblair(15)

Balmenach(1)

Balvenie(21)

Banff(2)

Ben Nevis(18)

Benriach(17)

Benrinnes(18)

Benromach(16)

Bladnoch(6)

Blair Athol(14)

Bowmore(52)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(31)

Bunnahabhain(38)

Caol Ila(71)

Caperdonich(4)

Cardhu(6)

Clynelish(58)

Cragganmore(4)

Craigellachie(6)

Daftmill(5)

Dailuaine(11)

Dallas Dhu(4)

Dalmore(10)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(13)

Glen Elgin(9)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(18)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(4)

Glen Scotia(9)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

Glencraig(1)

GlenDronach(26)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(22)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(13)

Glenrothes(17)

Glentauchers(9)

Glenturret(9)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(7)

Highland Park(38)

Imperial(7)

Inchgower(5)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(30)

Kilkerran(11)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(29)

Laphroaig(51)

Ledaig(22)

Lindores(1)

Linkwood(18)

Littlemill(12)

Loch Lomond(7)

Longmorn(22)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(5)

Millburn(1)

Miltonduff(10)

Mortlach(28)

Nc’Nean(1)

North Port-Brechin(1)

Oban(10)

Octomore(9)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(24)

Raasay(2)

Rosebank(17)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(42)

St. Magdalene(5)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(23)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(13)

Tomintoul(12)

Torahbaig(1)

Tormore(6)

Tullibardine(3)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (66)

Singleton of Glen Ord 15 yo ‘Special release 2022’ (2022, OB, 54,2%)

Ultimo e decisivo scatto per concludere le Special Releases Diageo di quest’anno. Ecco Glen Ord, che negli ultimi anni stiamo apprezzando parecchio (anche grazie all’eccellente 18 anni tra le Releases 2019), perché portatrice sana di quel tipico profilo highlander un po’ sporchino, tutto tempestato di mineralità e piccole zozzerie interessanti. Qui abbiamo un 15 anni che ha subito una seconda maturazione in botti ex vino. Ne approfittiamo per chiarire una cosa che ancora non abbiamo sottolineato, ossia lo storytelling assai complesso dietro le SR di quest’anno. Oddio, voi che ci conoscete sapete che quando si parla di storytelling noi ci assumiamo le nostre responsabilità, fra odissee, frasi e bottiglie, ma qui vediamo una signorina che potrebbe essere una banshee oppure una sirena senza coda definita “l’incantatrice del solstizio rosso” e leggiamo “luscious red berries kissed with spell-binding spice”. Anche meno eh. Il colore è rame.

C: si apre con un incantevole profumo di té. Té ai frutti rossi, che stanno anche sui pasticcini. Ribes nero, sambuco, si legano alla pastafrolla. Cheesecake al lampone! C’è una bella burrosità che sconfina nel rancidino, ma in generale il profilo sembra più quello di uno speysider rotondo e maltoso. Ci sono ancora frutti cotti (mele rosse, cannella, albicocche) e una buona dose di spezie, con un cenno di cioccolato al latte. Torta di carote. Il vino c’è, ma è quasi un vino liquoroso, da dessert. Con acqua si fa più acidino.

P: morbido, vellutato, ha una parte di cremosità e panna che ci fa impazzire. Ricorda certi succhi di frutta con una parte di latte, smoothie alla pesca, ma anche e soprattutto yogurt intero ai frutti di bosco. Insomma, è grasso e fruttato. E anche buono. La parte vinosa è ancora discreta, i tannini si percepiscono poco al principio. Bucce di uva e un accenno lontanissimo di torba di terra. Pian piano il palato si asciuga e rimane un biscotto alla polvere di cacao. E tamarindo a secchi. Con acqua si fa un po’ sfacciato, perde compostezza, datteri e mirto.

F: medio, ancora sui toni di lamponi, prugne Sunsweet e tamarindo.

Non diremo mai che questo è il nostro ideale di whisky, ma siamo sicuri che possa essere l’ideale di whisky di molti. Il distillato, con le sue caratteristiche in termini di grassezza e anima “funky”, regge bene la seconda maturazione, e il risultato è una bevuta piena, satolla, che riempie bene il palato a costo di rinunciare all’eleganza. Nel suo intento, sicuramente riesce alla grande. Siamo indecisi, perché a dire il vero quello del 2019 ci era piaciuto di più, ma premiamo la duttilità e rimaniamo sull’87/100.

Sottofondo musicale consigliato: Left lane cruiser – Big Momma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress