TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(45)

Ardmore(13)

Ardnamurchan(2)

Arran(23)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(7)

Aultmore(7)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(19)

Banff(1)

Ben Nevis(14)

Benriach(17)

Benrinnes(12)

Benromach(15)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(29)

Bunnahabhain(31)

Caol Ila(65)

Caperdonich(4)

Cardhu(5)

Clynelish(46)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(5)

Dailuaine(8)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(7)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(16)

Glentauchers(7)

Glenturret(8)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(34)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(29)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(28)

Laphroaig(48)

Ledaig(20)

Linkwood(16)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(19)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(9)

Mortlach(24)

North Port-Brechin(1)

Oban(9)

Octomore(8)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(23)

Raasay(2)

Rosebank(14)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(40)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(20)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(11)

Tomintoul(11)

Torahbaig(1)

Tormore(5)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (63)

Miltonduff 22 yo ‘Life is a circus’ (1995/2017, High Spirits, 46%)

Venghino, siori, venghino! Solo per stasera in città! Venghino a vedere il giornalista barbuto e il notaio in gessato, il Bombana-cannone e lo Jacopo ventriloquo che fa parlare la sua gastrite! Venite a vederli mentre si beano con un imbottigliamento di uno dei più squisiti, eleganti, competenti, raffinati, simpatici e distinti protagonisti della scena del whisky italiano degli ultimi quarant’anni. Venite a vederli bere e recensire un Miltonduff 22 anni del mitico Nadi Fiori. Non ve ne pentirete.
Come dite, volete i pagliacci? Ebbene sì, allora siete nel posto giusto, chi più pagliaccio di noi? Il colore è vino bianco.

N: chiudete gli occhi e pensate a quando prendete un’albicocca e la aprite con le mani, rompendola con i pollici: ne esce un profumo inconfondibile, succoso. Ecco, è il primo naso di questo whisky. Che è immediatamente estivo: albicocca in macedonia, pesca sciroppata, nespola soda, ma anche qualcosa di tropicale, tra mango e ananas in scatola. Alcol inesistente: sarebbe da mettere in tetrapak e darlo ai bimbi al posto dei succhini di merenda a scuola. Di sicuro ha meno conservanti. Fresco, con un lieve senso di legno chiaro, vaniglia, clementino. Ma non è tutto, c’è anche una punta di cera che sconfina nel propoli, con una lontana mineralità. Screziature di pompelmo e frutta secca (anacardi). Gesù, che spettacolo per soli 46%.

P: è accettabile ricopiare le note del naso? Perché è incredibilmente coerente, stesse suggestioni e stessa evoluzione. Se vogliamo trovare una differenza, il palato fa emergere nella seconda metà i segni del tempo, con un legno balsamico elegante, che porta anche note di liquirizia e caffelatte. Altra cosa che al naso non si poteva notare (non abbiamo le narici prensili) è la consistenza, la texture: che è vellutata, con una cremosità mai stucchevole di agrumi (cedro, sorbetto) e panna. Perché sì, riesce a essere sia sapidino che oleoso, ricco.

F: lungo e pulitissimo, crema di frutta, zenzero e spezie del legno. Minerale, secco e quasi frizzantino.

Spettacolare, davvero, un piccolo capolavoro. Nadi ha sempre voluto imbottigliare a 46% perché ha sempre voluto che le sue bottiglie venissero bevute, non collezionate, e a 46% la bevibilità è ovviamente maggiore che non a grado pieno. Qui l’impressione è che il malto fosse bevibilissimo anche a grado più alto, ma così trova un punto di equilibrio miracoloso. I whisky “estivi” di solito sono freschi ma leggeri, un po’ innocui. Questo è estivo ma pieno, non stanca mai, avvolge il palato. Sapete cosa? Fa sorridere. E se un whisky fa sorridere non è solo buono: 91/100. Ps. Aggiungiamo questa riga mezz’ora dopo averlo finito: il sorriso non se n’è ancora andato e il palato è ancora tutto avvolto dalle frutte…

Sottofondo musicale consigliato: The Police – Every little thing she does is magic

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress