TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(45)

Ardmore(13)

Ardnamurchan(2)

Arran(23)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(7)

Aultmore(7)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(19)

Banff(1)

Ben Nevis(14)

Benriach(17)

Benrinnes(12)

Benromach(15)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(29)

Bunnahabhain(31)

Caol Ila(65)

Caperdonich(4)

Cardhu(5)

Clynelish(46)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(5)

Dailuaine(8)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(7)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(16)

Glentauchers(7)

Glenturret(8)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(34)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(29)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(28)

Laphroaig(48)

Ledaig(20)

Linkwood(16)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(19)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(9)

Mortlach(24)

North Port-Brechin(1)

Oban(9)

Octomore(8)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(23)

Raasay(2)

Rosebank(14)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(40)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(20)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(11)

Tomintoul(11)

Torahbaig(1)

Tormore(5)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (63)

Glen Garioch 1971 Samaroli (1971/1979, Samaroli, 59.6%)

Oggi ci travestiamo da rich kids, ci accendiamo un Montecristo con una banconota da 500 euro e beviamo uno dei whisky più straordinari mai imbottigliati. Così, solo per farvi sapere che lo possiamo fare, come possiamo ingaggiare Mbappè e farlo giocare al campetto di Cimiano il sabato mattina. Sarebbe bello, ma purtroppo i nostri sogni di ricchezza finiscono qui. Dove inizia la recensione di un sample che Jacopo ha estorto all’immenso Max Righi a Limburg.
Stiamo parlando di un Glen Garioch in sherry imbottigliato da Silvano Samaroli negli anni Settanta. Un whisky giovane – solo 8 anni, praticamente va in terza elementare – a grado pieno di cui ne sono stati tirate 2280 bottiglie. Un whisky che però è entrato nella storia, unanimemente considerato un capolavoro. Il che ci spinge a due riflessioni: 1) quando vi dicono che non sempre l’età è sinonimo di qualità, hanno ragione; 2) quando vi imbattete in espressioni moderne di distillerie antiche ma oggi meno considerate, pensate a che patrimonio di gioielli liquidi hanno distillato in passato, e lasciate che le lacrime di nostalgia per quei tempi sgorghino calde. Il colore è un mogano rossastro. Del whisky, non delle lacrime, non siamo mica la Madonna di Civitavecchia.

N: si apre con una nota che più originale non si può: la Worchester sauce. Il primo naso è tutto dominato dalle note umami, da salse saporite e dense: salsa di soia rappresa, il sugo dell’arrosto e soprattutto – dice Zuc – il Tabasco Chipotle, quello affumicato. Salsa barbecue, certo, ma quella è più banale. Tutto è scuro, carnoso, ma con venature dolci. Ricorda anche il jerky beef, quelle striscioline di manzo essiccate e aromatizzate allo sciroppo d’acero. Sentori dell’acqua in cui si mettono i funghi secchi a rinvenire. In questo panorama, la torba è sottointesa, fa da accompagnamento, quasi un senso di gomma bruciata in lontananza. Ma lo sherry non è esclusivamente umami, c’è tutto il mondo del cacao e dei frutti rossi a spalancarsi: tartufi fondenti, marmellata di ciliegie, prugne e more cotte. Queste note di frutta così vivide e “alte”, esaltanti, fanno gridare a Jacopo una corrispondenza con certi Bowmore. Intanto Corrado ci fulmina con il suo fico nero (no a doppi sensi, please): anzi, fichi dragee nel cioccolato. Con acqua si fa più dolce, fruttato. In una parola si fa esageratamente buono.

P: ha solo 8 anni ed è entrato in bottiglia 43 anni fa, eppure è carichissimo, una supernova di intensità, una vasca di sherry concentrata in un sorso. Come al naso, si apre sul dark side dello sherry, con tantissimo cuoio, tabacco, carne affumicata/essiccata (la slinzega valtellinese). E come al naso segue la frutta cotta, prugne secche e ribes. Quello che però si eleva sopra ogni altra nota al palato è l’Oloroso, purissimo, con tutta la sua astringenza e vinosità aristocratica. A questo punto siamo talmente in cima alla scala del piacere sensoriale che ci vengono le vertigini e ci lasciamo trascinare dalle sensazioni: liquirizia, castagne, cacao amaro, grasso stagionato e affumicato, liquore al caffè (tanto e godurioso), biscotti Speculoos alla cannella… Potremmo andare avanti ore, è uno di quei whisky che ogni 5 secondi ti suggeriscono qualcosa di diverso, nuovi spunti, nuovi mondi. Con acqua anche qui la frutta diventa divina, con marmellata di more, mirtilli, ciliegie. Incredibile.

F: è la parte più torbata di tutta l’esperienza, con liquirizia, legno bruciato e un senso proprio di torba terrosa e salata, molto peculiare. In fondo, dopo parecchio tempo, quel che resta in bocca è però la magia della frutta cotta, con tratti balsamici elegantissimi.

Che dire? Questo whisky ci fa venire in mente una parola tedesca intraducibile eppure magnifica: Zweisamkeit. Che più o meno è la solitudine insieme, di solito riferita a due persone che si amano così tanto che bastano a loro stesse e si escludono dal resto del mondo. Ecco, noi eravamo in tre a berlo e anche se ci vogliamo abbastanza bene non siamo ancora arrivati a questo livello, ma era per provare a rendere l’idea di quanto totalizzante sia immergersi in un distillato del genere. Che ti porta via da tutto e lo fa con ogni arma: l’intensità, la ricchezza, la complessità, l’incredibile equilibrio, la perfezione del grado, l’integrazione dello sherry, la torba così spessa, la frutta così sfavillante… Sì, stiamo esagerando, ma ci rincuora leggere che anche Serge si è fatto prendere decisamente bene. 95/100 signori, non uno di meno.

Sottofondo musicale consigliato: The Smashing Pumpkins – Perfect

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress