TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(45)

Ardmore(13)

Ardnamurchan(2)

Arran(23)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(7)

Aultmore(7)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(19)

Banff(1)

Ben Nevis(14)

Benriach(17)

Benrinnes(12)

Benromach(15)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(29)

Bunnahabhain(31)

Caol Ila(65)

Caperdonich(4)

Cardhu(5)

Clynelish(46)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(5)

Dailuaine(8)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(7)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(16)

Glentauchers(7)

Glenturret(8)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(34)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(29)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(28)

Laphroaig(48)

Ledaig(20)

Linkwood(16)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(19)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(9)

Mortlach(24)

North Port-Brechin(1)

Oban(9)

Octomore(8)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(23)

Raasay(2)

Rosebank(14)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(40)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(20)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(11)

Tomintoul(11)

Torahbaig(1)

Tormore(5)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (63)

I.W. Harper straight Bourbon ‘gOLD MEDAL’ (anni ’80, OB, 40%)

Whiskey poco conosciuto al grande pubblico. Tutto discende da Isaac Wolfe Bernheim, un tedesco arrivato negli USA nel 1867, che fondò a Louisville la Bernheim Bros. distillery pochi anni dopo, dando vita nel 1872 al marchio I.W. Harper, vincitore di parecchi riconoscimenti a cavallo del XIX e XX secolo. Nel dopoguerra, dopo il boom, il whiskey comincia ad essere distribuito in tutto il mondo (soprattutto in Asia) e negli anni ’90 abbandona il mercato americano. Dal 2015 Diageo lo ha riportato a casa, con due imbottigliamenti: il 15 anni in decanter e lo Straight bourbon, che si rifà a questa espressione storica che beviamo oggi. L’invecchiamento medio era di 4 anni e conteneva sia whiskey della distilleria, sia da altri produttori.

N. eleganza, dolcezza e soprattutto una piacevolezza fragrante da paese dei balocchi. Albicocca sciroppata come se non ci fosse un domani, banana, crema pasticcera: pasticcino alla frutta fatto e finito. Nel senso che lo avremmo già divorato. Il senso di torta (ricorda proprio la “bagna”, con fiori d’arancia e vaniglia, e forse alchermes) è ricchissimo. Una foglia di menta così per gradire. Poco legnoso al naso, note di acetone totalmente assenti. A senso unico, sicuramente, ma godurioso. Privo di asperità, ma anche di complessità.

P. gradevole, ancora integro nonostante l’età. L’attacco è un po’ vuoto – colpa della gradazione – ma subito si riassesta sulle note fruttate già dette al naso, a cui si aggiunge un sacco di mela gialla matura e un accenno di violetta. Sciroppo d’acero e vaniglia. Qui però la parte di legno si sente di più, le spezie della botte prendono il largo con noce moscata e macis e quell’accenno amarognolo di radice di liquirizia. Ancora banana e crema cotta, che ci dà il destro per citare appunto la cremosità del palato.

F: non lungo, e non complesso, ancora un filo di albicocca e un’idea di arancia e toffee. Piccantino.

Davvero piacevole, un’esperienza che merita anche se non rimarrà scolpita nella memoria. Era un prodotto commerciale, non fatto per essere il vertice della complessità organolettica, ma è una bella macchina del tempo, che dimostra che quarant’anni fa il bourbon era più fruttato, meno pesantemente vanigliato e forse con una ricetta più semplice (mais e malto). Voto: 84/100.

Sottofondo musicale consigliato: Ben Harper – Ground on down

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress