TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(45)

Ardmore(13)

Ardnamurchan(2)

Arran(23)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(7)

Aultmore(7)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(19)

Banff(1)

Ben Nevis(14)

Benriach(17)

Benrinnes(12)

Benromach(15)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(29)

Bunnahabhain(31)

Caol Ila(65)

Caperdonich(4)

Cardhu(5)

Clynelish(46)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(5)

Dailuaine(8)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(7)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(16)

Glentauchers(7)

Glenturret(8)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(34)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(29)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(28)

Laphroaig(48)

Ledaig(20)

Linkwood(16)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(19)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(9)

Mortlach(24)

North Port-Brechin(1)

Oban(9)

Octomore(8)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(23)

Raasay(2)

Rosebank(14)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(40)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(20)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(11)

Tomintoul(11)

Torahbaig(1)

Tormore(5)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (63)

Glenesk 1979 (2013, Gordon & Macphail, 46%)

Quando Jacopo è stato a Dornoch, dovete sapere, si è praticamente ubriacato di pomeriggio – responsabilmente eh, cosa credete. La visita in distilleria in tarda mattinata è stata impegnativa, il passaggio in warehouse, beh, ancora di più, per tacere della sosta al whisky bar a metà pomeriggio. Non saprà mai ringraziare Phil Thompson abbastanza per l’accoglienza straordinaria. Dopo un pisolino ristoratore e un’ottima cena (cosa non scontata per la Scozia, non facciamo finta di non saperlo), il nostro inviato si è recato nuovamente al whisky bar, perché in fondo è un eroe: e lì ha deciso di assaggiare un paio di whisky, rigorosamente da distillerie chiuse, e possibilmente da distillerie mai incontrate prima. Oggi tocca a Glenesk, distilleria delle Highlands chiusa nel 1985 – e se Serge ne ha bevuti solo 17 nella sua carriera, capirete bene che non possiamo sentirci troppo miseri se mai, prima, ne avevamo assaggiato alcuno. Nello specifico, nel bicchiere troviamo un Glenesk del 1979, imbottigliato 34 anni dopo da Gordon & MacPhail.

N: stranissimo decisamente, impressiona la prima nota, quasi schermante, di aghi di pino e resina, con sentori chimici, come di una raffineria, o forse è un catrame affilato, non sapremmo dire. Ci sono note di verdure, di sedano e limone, di anima delle coste (sbollentate e raffreddate). Ma poi pian piano si apre una quota di frutta antica e quasi eterea, tra melone bianco maturo e una mela aperta e dolce, quasi cotta. Fantastico e unico. Cioccolato bianco e uvetta.

P: molto esplosivo, molto più aperto e ‘normale’ rispetto al naso – anche se certo l’anima erbacea, resinosa e chimica perdura anche al palato. Qui però abbiamo agrumi più evidenti, una maltosità che si mescola a frutta, mele e miele, perfino una nota come di pasta di mandorle liquida (ma cos…). Zenzero candito e mentolo, con qualcosa – qui sì – dì compiutamente torbato (ma senza alcuna concessione al fumo, sia chiaro. A tratti qualcosa perfino di sapido e forse marino (alghe wakame).

P: lungo, durano le wakame e la resina, dura la mela appiccicosa e dura il miele maltoso ed evoluto. Incantevole.

Spigoloso e peculiare, testimonianza di uno stile che non c’è più, forse, di certo testimonianza di una distilleria che non c’è più. Intrigante e difficile, pieno di note inaspettate e sfidanti: insomma, quello che andavamo cercando. 91/100.

Sottofondo musicale consigliato: The human league – Being boiled.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress