TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Il gioco delle coppie: Laphroaig QA cask (2015, OB, 40%) vs Laphroaig Triple wood (2020, ob, 48%)

Continuiamo i nostri corsi di recupero alla ricerca di whisky popolari che non abbiamo ancora assaggiato. Oggi è il giorno della lezione di Islay, e il prof ci parla di Laphroaig. Ora, va bene che non studiamo tanto, ma qualcosa abbiamo letto, quindi le basi le abbiamo. Giusto però completare tutto il programma e a noi mancano un paio di imbottigliamenti particolari, non tra i più apprezzati dalla critica, ma comunque abbiamo il dovere della completezza.

Laphroaig ‘QA Cask’ (2015, OB, 40%)

Uno degli infiniti NAS di casa, esclusivo per il Travel Retail, imbottigliato alla mesta gradazione di 40% e protagonista di un frequente equivoco: QA sta per quercus alba e non ha nulla a che fare con il Quarter cask. Ogni tanto verrebbe da chiedersi se lo fanno apposta a incasinare le cose. Ad ogni modo, è invecchiato in ex bourbon casks e affinato in barili vergini tostati. Il colore è paglierino. N: ah, il profumo della setticemia in un ospedale da campo… Una zaffata di disinfettante spicca su un generale senso balsamico di aghi di pino bruciati. Non intensissimo, i sentori sono ovattati. Si distinguono i marshmallows sul fuoco, la banana verde, la vaniglia. La cosa più piacevole è forse la nota di new make medicinale che si fa strada. Legno acerbo e erbe aromatiche, dragoncello forse. P: cenere, acqua, vaniglia e disinfettante: la ricetta perfetta per una bibita torbata e dolce. Ginger ale e soprattutto tanta acqua di cocco, netta. Molto scisso, con caramello da una parte e la botte bruciata dall’altra, a costruire un muro di catrame senza evoluzione. Un campionario disunito di sensazioni forti. F: inquietantemente dolce, vaniglia bruciata, burro rancidino.
Lampi di Laphroaig medicinale in una landa desolata di banalità. Succede quando spiriti giovani incontrano il doping di barili “pompati”. 77/100.

Laphroaig ‘Triple wood’ (2020, OB, 48%)

Triplo invecchiamento per un NAS che – come il Quarter cask – è imbottigliato a 48%, che al momento è quasi la nostra gradazione ideale (a essere precisi, forse il top è 50%). Quercia americana, Quarter cask e quercia europea ex-sherry Oloroso. Il colore è oro antico. N: se in etichetta si legge “wood”, non stupisce che la prima sensazione sia legnosa. Un legno fresco, balsamico: eucalipto e anice stellato. Ma accompagnato da sfumature più scure e profonde, di cuoio e lucido da scarpe, con anche carne affumicata (jerky beef alla salsa teryiaki, toh). Davvero umami, con salsa di soia. La frutta è distante e processata: marmellata di frutta imprecisata con scorze di limone. Molto carico, ha anche una netta nota di mirto. Il senso balsamico cresce: più piacevole dell’Arbre Magique al pino, ricorda più il balsamo tigre. P: di nuovo molto carico e di nuovo la tensione balsamica è altissima (mentuccia). Parallelamente, si sviluppa una dolcezza appiccicosa di sticky toffee pudding. Ananas flambè con la cannella e banana caramellata. La torba è ben integrata nella generale opulenza di sapori, anche se l’effetto non è proprio raffinato. F: rude, caldarroste, braci e mele glassate. Cioccolato al latte.
Un bel cafone, non c’è che dire. Tutto è al suo posto, ogni sensazione contribuisce alla creazione di un malto isolano muscolare, intenso e carichissimo di dolcezze e freschezze equamente divise. Non il nostro profilo ideale, ma nel suo genere è fatto bene. Certo, rivedendo la recensione del Quarter cask, che ormai è un po’ datata, ci viene voglia di riberlo per provare a fare un paragone. Lo faremo, nel frattempo votiamo questo: 83/100. In vendita online, tra gli altri siti, qui.

Sottofondo musicale consigliato: No age – Fever dreaming

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com