TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

IRISH WHISKEY come se piovesse

irish-whiskey

In pieno delirio gaelico, mentre tifiamo Scozia agli Europei, ci dedichiamo all’Irlanda dal punto di vista alcolico. Grazie al corso online organizzato da Whisky Club Italia con Claudio Riva e Paolo Tagliabue, infatti, ci stiamo dilettando in svariati assaggi di Irish whiskey piuttosto rari. Tenerceli per noi sarebbe un disgustoso atto di egoismo, per cui condividiamo le note. #sharingeconomy.

Jameson 1780 12 yo (1985, OB Soffiantino import, 40%)

N: urca, che olfatto divisivo. Si parte con una decisa nota di acetone dalle sfumature sulfuree: pentola di rame bruciacchiata, pulita con aceto di vino rosso. Immediatamente quasi respingente. Per fortuna, l’effetto “butta via tutto” si attenua dopo un paio di minuti. E lascia intravvedere una pasticceria francese. Percezione comunque molto ricca, cremosa e burrosa, con mela e pesca gialla matura. Riemerge a tratti qualche zaffata della sensazione di solvente iniziale, ma si fa più complessa e verte sulla frutta sotto spirito (uva spina?). Qualche erba aromatica essiccata e un che di mandorla tritata. Le note off non sappiamo da dove arrivino, davvero, ma sono talmente prepotenti che non possono essere ignorate.

P: attacco deciso e pieno in bocca. Evolve piacevole e coerente. Quella dimensione acetica e graffiante svanisce. Prendono la scena la crema pasticcera e la frutta gialla (banana, ananas). Poi ancora meglio, si affaccia una frutta dolce: uva fragola? Il secondo palato si fa più secco, con una punta di zenzero, legno, liquirizia e bucce di mela/pompelmo.

F: tendente all’amaro, ricorda l’albedo dell’agrume, con un filo di legno. Ritorna la mandorla (buccia e tostata) con un po’ di cannella e il nocciolo della pesca.

Esperienza da segnare sul diario, ma è difficile capire se fra le pagine piacevoli o quelle sgradevoli. Il naso è uno dei più assurdamente respingenti ci sia capitato di incontrare, il palato è incredibilmente soddisfacente. Nel complesso, è evidente l’effetto bottiglia vecchia “OBE” ed è mirabile il corpo, molto muscolare per i 40%. Il bicchiere vuoto è splendido, una fioritura primaverile con del legno aromatico. Peccato quell’olfatto da schiaffi. Voto scisso: 80/100.

Bushmills 25 yo Millennium edition single malt for Mulligans Pub Milano (1975/2000, OB, 43%)

N: inizialmente austero, quasi scontroso rispetto al precedente, il che non è del tutto un male considerando quanto era sgarbato il suo collega. Appena però gli si dà fiducia, si apre un bel prato primaverile e un’apoteosi di frutta. La dolcezza del marshmallow e del confetto è controbilanciata da una complessità notevole, di cereale umido e di miele. Poi ecco esplodere la pesca tabacchiera e una riduzione di passion fruit: delicato, una bellissima acidità e vivacità per l’età, ricorda quasi l’ananas. Meringa, litchees e forse menta, sprizza freschezza. Notevole. La frutta al naso non sarà esagerata, ma è sussurrata in maniera convincente, come i messaggi subliminali che ti riempiono la testa. Un accenno di pesca grigliata, come a ricordare del fumo nel secondo naso.

P: al contrario dell’olfatto, al palato la frutta spinge ed entra in gioco potente, con ananas, passion fruit, banana verde, mandorla tostata. Qui il fumo – sotto forma appunto di legno tostato – si fa decisamente evidente. Spezie sparse, cardamomo, cumino nero. Mandorla verde. Una nota di eucalipto e di miele, molto fresco, con melone bianco. Il corpo è piuttosto setoso, oleoso.

F: lieve ma lungo. Di nuovo frutta, che si adagia su un bel sentimento di toffee e di incenso, con un tocco di buccia di mandarino affumicata. Erbe (salvia).

Un ircocervo che unisce un animo etereo e un cuore deciso. Per nulla scontato, parecchio sfaccettato. Per dirla semplice: un Bushmills di carattere inaspettato, che mostra una frutta complessa ed evoluta impreziosita da tocchi di fumino e spezia dati dall’età. Buono vero, bravo Beppe! 87/100

Connemara 12 yo (anni ’90, OB, 40%)

N: gelatina al limone e distillato di brezza marina e salamoia. Pera senapata. Con il tempo un po’ di torba giovane leggera leggera esce anche dal bicchiere. Scoglio, acqua salata, tanto zucchero a velo. Posacenere di sigaretta e pasta lievitata. La frutta è tutta incentrata sulle sfumature del limone e della pera.

P: più secco del previsto e meno dolcino e limonoso. Una bellissima nota di bastoncino di liquirizia, torba molto più magra e leggera di quella di Islay. Resta del cedro candito e secchiate di succo di pera (quello limpido, organic e bio, non quello del chupito…). Consapevoli di passare per visionari o dementi, oseremmo citare una nota (pur lieve) di formaggio di capra. E anche qualcosa di verde, tipo insalata amarognola.

F: non lunghissimo, ma interessante: è molto bello il ricordo di torba che ci lascia. Si sviluppa ancora con noccioli, mallo di noce e un filo di fumo di sigaretta.

Posto che non stiamo parlando di un fuoriclasse, ma di un prodotto di linea, occorre essere pragmatici. Giovane e cazzuto, non complesso e forse anche un po’ ruvido. Fatte le debite proporzioni, 82/100.

Cooley peated single malt 26 yo (1992/2018, Cadenhead’s, 52,3%)

N: fermi tutti, qui c’è profumo di grandezza. Dal bicchiere si alzano volute voluttuose di bacon e frutta matura, ma la gradazione alcolica non si sente. Fresco e levigato, integrato con la torba che è però comunque molto ben presente. Arancia bruciacchiata, pesca al forno, amaretto. Ma anche olio di oliva, cedro candito e gigli decadenti. La frutta si declina sul versante minerale, tropicale e ipermaturo: ananasso un po’ dimenticato.

P: ancora oleoso e di rara intensità, sfoggia un concentrato di sapori caleidoscopico. Miele, biscotti al burro, ananas. Ma anche olio del motore e liquirizia piccante. Kiwi gold e caldarroste bruciate. Un ossimoro sensoriale. La torba resta là sullo sfondo, ma con ripetuti affacci sulla scena, perfettamente integra e integrata, a fornirci sentori di brace (melanzane alla griglia?). Ma nel complesso quel che resta sulla lingua è una maturità di macedonia.

F: lungo e complesso, ha una persistenza e un’oleosità che non si dimenticano in fretta. Si evolve ancora tra note erbacee, di radice e di legno da un lato e qualche ulteriore spunto di frutta (kiwi e ananas alla griglia) dall’altro lato. Sale?

Che campioncino! Flette i muscoli, ma ha una freschezza, una educazione e una personalità notevoli per i suoi 26 anni. Gli Irish indipendenti non sono comuni, quelli vecchi sono rari, quelli vecchi e indipendenti sono praticamente mosche bianche. E questa mosca è spettacolare. Osiamo un 89/100 per non farci dire che siamo esosi (o ubriachi).

Sottofondo musicale consigliato: Kamasi Washington – Sun Kissed Child.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

FACEBOOK

English Translation in progress