TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Rosebank 21 yo ‘Innocence’ (2017, Speciality drinks, 51,6%)

rosebank-21-innocence-speciality-drinks

C’è stato un tempo (forse lo ricorderete) in cui si poteva serenamente prendere un aereo e andare all’estero, così, facilmente, senza problemi, senza mascherina, senza quarantena. Ecco, quando questo stato di benessere primordiale era ancora intatto, uno di noi nell’estate 2019 fece esattamente questa cosa, e andò a Londra per visitare qualche distilleria, qualche cocktail e whisky bar, cose così – nel suo tour londinese, fece anche un salto dall’amico Diego Lanza, uno che fa il lavoro più bello del mondo, visto che è Old&Rare Spirits Manager presso The Whisky Exchange. Visitando il suo posto di lavoro (che ha qualcosa di pornografico, capirete bene), Diego gli fece assaggiare un whiskettino da poco, una roba senza pretese: un Rosebank 21 anni imbottigliato da Speciality Drinks, ovvero l’ala imbottigliatrice di TWE, nel 2017 all’interno di una serie di 5 Rosebank chiamata “The Roses”. Questo si chiama “Innocence“: 661 bottiglie che, oggigiorno, vanno a circa 1500€ in asta – per dire, eh. Siccome il nostro inviato ebbe pure la maleducazione di portarsi via un sample, oggi lo beviamo, per ricordare quell’epoca così lontana.

N: true Rosebank style, signori! Fresco e agile, nonostante le 21 primavere. Si sentono appunto molto i sentori di primavere: fiori freschi, tanti agrumi; unendo i due tratti diremmo zagare, ma anche mandarino, cedro candito. Ci sorpende un polline fresco davvero suadente. C’è poi una parte più sfrontata, che ricorda la pasta frolla, crema pasticcera e la pastiera napoletana (fiori d’arancio, a ribadire la supremazia agreumata), la frutta gialla matura tipo pesca tabacchiera, lì lì per divenire un ananas.

P: ricordate quel “lì lì per divenire tropicale”? Ecco al palato si supera abbondantemente il confine e si arriva nel regno del tropicalia: ananas maturo, cocco e maracuja. La frutta è esplosiva, con un bel corpo masticabile, la cui percezione è accentuata da un sentore di burro, di pastafrolla e pasticcino alla frutta. Arancia a go go. Corn flakes impastati di miele, per un’esperienza di goduria pura, intensissima anche se non eccessiva. Rispetto al naso fa capolino un leggero graffio speziato, lascito del legno: liquirizia, una lievissima noce moscata. Questa ultima suggestione aggiunge complessità, regalando un palato che ricorderemo.

F: medio lungo, con quella tipica capacità che hanno i Rosebank di salutarci con una maestosa pulizia maltosa ed erbacea da sogno. Rimangono ancora un po’ di marzapane e cioccolato al latte.

92/100. Un classico Rosebank che diventerà sempre meno un classico per i nostri palati, visti i prezzi e la scarsità di barili. Qui dimostra un equilibrio assoluto tra i tanti anni di invecchiamento e la freschezza delle Lowlands, di cui la distilleria era grande ambasciatrice. Poco da dire, davvero: speriamo solo che Ian Macleod, che sta riaprendo la distilleria ricostruendola completamente, riesca a replicare questo splendore. Intanto, un grazie gigantesco a Diego per il sample.

Sottofondo musicale consigliato: Statler Brothers – Flowers on the Wall.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “Rosebank 21 yo ‘Innocence’ (2017, Speciality drinks, 51,6%)

  1. Confesso di essere un po’ confuso, da noi a Bologna si dice “zinc e tri oot, oot e du des”… un Rosebank imbottigliato a 21 anni nel 2017 dovrebbe essere stato distillato nel 1995/96, giusto? Ma la distilleria non ebbe a chiudere nell’anno di grazia 1993? Qui i conti non tornano, ci sono almeno un paio di anni di differenza. Potete fornirmi lumi al riguardo?
    Grazie.

    1. Ciao Andrea, hai perfettamente ragione, e l’errore è sicuramente stato nostro nello scrivere ‘imbottigliato nel 2017’ – di fatto è stato commercializzato nel 2017, ma è più che plausibile (anzi, la matematica lo garantisce) che sia stato imbottigliato prima e tenuto da parte per essere messo in commercio in un secondo momento. Succede spesso, soprattutto con invecchiamenti di un certo tipo e con certe distillerie chiuse e ‘iconiche’, sia per ragioni commerciali che per ragioni ‘tecniche’, ovvero che il proprietario della botte l’abbia imbottigliato al momento del suo picco per poi metterlo in commercio successivamente. Altra opzione, e non sappiamo ovviamente se sia questo il caso, è che Speciality Drinks abbia acquistato uno stock di Rosebank già imbottigliato da qualcuno – potrebbe essere plausibile anche questo. In ogni caso, quel che è certo è che questo Rosebank 21 indica l’età minima ma non ha un vintage in etichetta… Grazie per l’osservazione comunque, molto attenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com