TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Glen Keith 20 yo (1996/2016, Jack Wieber’s, 49,5%)

glen-keith-jack-wiebers

Il nostro armadietto dei samples recentemente è stato sottoposto a trasloco, riordino e feng-shui. Il che significa che ora tutti i torbati guardano a Est e la nostra armonia interiore è decisamente migliorata. In questa ricerca del benessere fisico e mentale, ci siamo accorti che dall’ultimo Whisky Revolution Festival siamo tornati con una valigia piena di campioni e alcuni ancora attendono docili le nostre coccole. Tra questi, parecchi sono di imbottigliamenti di Jack Wieber, selezionatore berlinese che fa il mestiere più bello del mondo da fine anni Novanta e viene importato in Italia dalla Lost Dram selections di Fabio Ermoli. Questo è un Glen Keith di 20 anni, distillato nel 1996 e imbottigliato nel 2016 per la serie “Old train line”: dal barile #8116 sono uscite 198 bottiglie. Il colore è oro zecchino.

N: ucci ucci, sentiamo odore di sherrucci? Il fatto è che il naso è una bottega di fruttivendolo: frutta matura, melone a iosa, composta di albicocche molli. Carico, pastoso, densissimo. Un filo alcolico, e con un po’ di sentori legnosi qui e là a dimostrare l’età. Subentra poi una teoria di biscotti secchi Digestive al malto, toffee e qualcosa di caramello bruciato: c’è perfino chi rievoca la banoffee pie, la torta al caramello, banana e latte condensato parto di una mente diabolica e sadica. Accanto, a stemperare la densità clamorosa, ecco un tocco agrumato, più sottile, tipo marmellata di mandarini. Nonostante in fondo si avverta del miele di eucalipto, un naso molto diverso dai profili a cui ci ha abituato Glen Keith, più tropicali e freschi. Con acqua si fa più frizzante, con un accenno di aceto di sherry.

P: ecco la vetusta severità del ventenne. Si apre ancora dolcione, con una frutta ricchissima e avvolgente (ancora composta melone e albicocca, zero agrumi), ma vira subito verso un’austerità ricca e polverosa, di legno e malto purissimo. Una elegante dimensione di erbe secche di tisana e fieno. In generale vira a una secchezza d’antan, quasi troppo: buccia di mandorla amara. Diluito, si fa meno polveroso e amaro, ma anche più piatto. In genere l’acqua non gli fa bene, spunta anche una punta acetica.

F: melone in sottofondo, ma qui vince il malto a mani basse. Con ancora quel retrogusto amaro.

Siamo scissi, come una giuria che non sa decidere se l’imputato è innocente o colpevole. Ha sicuramente delle note deliziose (la frutta ricchissima, l’ingresso al palato entusiasmante), ma anche qualche indizio che lo condanna: una certa propensione all’amarezza e alcune note acetiche che ci sembrano sbagliate. Del Glen Keith che conosciamo ci manca quella raffinatezza tagliente della frutta: eravamo abituati ai gialloverdi e ci ritroviamo l’arancione. E non parliamo di politica, grazie a dio: 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: Röyksopp – What else is there?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com