TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Benrinnes 11 yo 2008 & Linkwood 12 yo 2007 ‘Masters of Magic’ (2019, High Spirits, 46%)

Proseguiamo con le recensioni dell’ultima, bellissima serie di whisky imbottigliati da Nadi Fiori (High Spirits), Masters of Magic: dopo la doppietta di ieri, oggi tocca ad altri due Speysiders, ovvero Benrinnes e Linkwood, rispettivamente di 11 e 12 anni – Linkwood è invecchiato in botte ex-sherry.

Benrinnes 11 yo (2008/2019, High Spirits, 46%)

N: abbastanza aromatico, anche questo tende ad essere molto pulito e nudo, con il distillato in evidenza – qui però c’è più personalità, e innanzitutto troviamo una componente fruttata più pimpante: mela gialla, canditi, pera… Tanti agrumi, soprattutto limone. Perdura una nota sottile come di formaggio.

P: coerente col naso, attacca delicato ma guadagna forza col tempo. Decisamente oleoso, ancora sentori caseari; poi un po’ di miele e limone, e note di acqua di cocco, quando l’indigeno ti sciabola la noce in spiaggia. Vi è piaciuto questo piccolo quadretto? Se non vi è piaciuto, accontentatevi di un “latte acido e caramello” – ma forse chi ha pronunciato queste parole aveva appena ingerito “latte, acido e caramello”. Erbaceo e vegetale, con note di radici.

F: inizia proseguendo quel tracciato amaro, olii di semi, erbaceo, semi di limone.

80/100 – non diversissimo dal Macduff di ieri, nel senso che resta un whisky abbastanza semplice e certamente molto nudo e giovane, ma nel complesso ci pare più convincente – senza difetti, sa di distillato, cosa vuoi di più?

Linkwood 12 yo (2007/2019, High Spirits, 46%)

N: stupisce al naso una nota inaspettatamente… torbata: lievemente minerale, non fumosa ma decisamente terrosa, da torba. In un Linkwood? Pare di sì… Avremo bevuto troppo? Ricorda un che tra la sauna e un camino acceso nella stanza affianco. Molto morbido per il resto, con un profilo da Speysider perfetto: morbido, dolce, fruttato, con sentori di kiwi e cedro. Caramella zuccherina alla frutta gialla.

P: l’alcol è integrato, e si lascia bere con facilità. Prosegue una sensazione terrosa/minerale, a metà tra la catasta di foglie e la torba – si squaderna con grande piacevolezza una componente fruttata deliziosa, di frutta gialla matura, limone, un po’ di vaniglia e di dolcezza da pasticceria. Tè infuso.

F: frizzantorbatino, cereale dolcino.

84/100. Un passo in avanti in termini di complessità, seduce per un naso complesso e inaspettato (quella nota che sulle prime ci sembrava torbata proprio non l’avevamo vista arrivare) e conquista con un palato che non vive di fiammate, ma che grazie a questa placidità fa sembrare questo Linkwood un succo analcolico, pericolosamente bevibile.

Sottofondo musicale consigliato: Stoilku – Black Magic Woman.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “Benrinnes 11 yo 2008 & Linkwood 12 yo 2007 ‘Masters of Magic’ (2019, High Spirits, 46%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

FACEBOOK

English Translation in progress