TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Orkney 9 yo (2017, Creative Whisky Co., 50%)

orkney-9-creative-whisky

Stiamo ancora smaltendo le tante recensioni che abbiamo fatto ‘alla cieca’ nel periodo di lockdown: oggi proponiamo un piccolo gioiello di un imbottigliatore indipendente che ha chiuso i battenti due anni fa, Creative Whisky Company, di David Stirk. Si tratta di un imbottigliamento di una serie ‘regionale’, con diversi single casks per ogni zona di produzione – qui abbiamo a che fare con il cask #002 di Orkney, al solito da una distilleria non dichiarata che com’è come non è potrebbe proprio essere Higland Park ma shh, non ditelo a nessuno ché poi se no arrivano i vichinghi a manganellarci coi loro mjolnir. Ricordate: abbiamo scritto le tasting notes senza sapere cosa avessimo nel bicchiere.

N: da “brutti sporchi e cattivi” a “belli sporchi e buoni”. Un naso immediatamente grasso e bisunto: cuoio umido, senape ancienne, rame. Si nota una certa gioventù, testimoniata da una legnosità “verde”. Di nuovo note “off” come prosciutto cotto. Anzi, ci spingiamo al prosciutto di Praga, impreziosito da una leggera sensazione sulfurea. La frutta sta in disparte, con mela, ananas in macedonia e parecchio melone bianco. Miele millefiori, anche. La torba c’è, tutt’altro che elegante ma ben organica, qualcuno azzarda anche marina.

P: parbleu, la parte sporca è sparita come il Covid dopo la sanificazione. Resta solo un che di ossidato e metallico, proprio di distillato che accarezza il rame. Si prende la scena una zuccherinità astratta, diremmo ancora miele. Per il vero, la dolcezza ha un che di artificiale e stucchevole, di crema di marroni industriale. L’affumicatura leggera si fa pian piano strada, fra incurisoni di frutta gialla cotta indistinta (pera e susina) e una torba di mare. La sapidità cresce. Retrogusto di cioccolato bianco, ma sporco. Cioccolato bianco su un piatto di cozze? No, eh?

F: rotondo, mielato e con un tocco sale, molto organico. Resta da decidere fra carne e pesce e qualcuno azzarda sia carne che pesce. Citando Elio: la nostra angoscia non decresce.

Sicuramente un whisky organico e bastardo, che mescola dolcezza, umami, marinità, torba easy e frutta. Non è semplice da decifrare, ci sono cose che si agitano negli abissi sotto quel fumino verde, ma che non ci è dato scoprire. Sicuramente un profilo interessante e divertente, con cui trastullarsi quando ci si è stancati di whisky perfetti. 85/100. Noi ce ne siamo accaparrati una bottiglia un paio d’anni fa, quando al Milano Whisky Festival Fabio Ermoli vendeva quattro bottiglie di questa serie ‘regionale’ a 100€. È stato sicuramente un grande affare!

Sottofondo musicale consigliato: Thyrfing – From Wilderness Came Death.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Orkney 9 yo (2017, Creative Whisky Co., 50%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!