TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(45)

Ardmore(13)

Ardnamurchan(2)

Arran(23)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(7)

Aultmore(7)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(19)

Banff(1)

Ben Nevis(14)

Benriach(17)

Benrinnes(12)

Benromach(15)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(29)

Bunnahabhain(31)

Caol Ila(65)

Caperdonich(4)

Cardhu(5)

Clynelish(46)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(5)

Dailuaine(8)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(7)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(16)

Glentauchers(7)

Glenturret(8)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(34)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(29)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(28)

Laphroaig(48)

Ledaig(20)

Linkwood(16)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(19)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(9)

Mortlach(24)

North Port-Brechin(1)

Oban(9)

Octomore(8)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(23)

Raasay(2)

Rosebank(14)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(40)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(20)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(11)

Tomintoul(11)

Torahbaig(1)

Tormore(5)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (63)

Amrut ‘single cask for la Maison Du Whisky’ (2009/2013, OB, 60%)

Torniamo su questa distilleria indiana che incuriosisce gli appassionati degli whisky extra-Scozia e che è attiva dal 2004 nell’imbottigliamento di single malt molto giovani e particolari- vedremo tra poco cosa sia a renderli tali. Questo single cask ex bourbon, il numero 3438, è un’esclusiva per il tempio del whisky parigino La Maison du Whisky ed è stato messo in bottiglia alla gradazione monstre di 60%. Vai con la musica!

amrut_bourbon_3437N: impressiona subito: per essere a 60%, si sente poco l’alcol ed è bello dispiegato. A colpire è anche la maturità, perché ha perso ogni nota di distillato giovane (di candito, per intenderci) ed esibisce robuste note legnose (tanta frutta secca, anche tostata; nocciola), una maltosità calda e anche un po’ spigolosa. Emergono note quasi sporche (cuoio), speziate (tamarindo). In questa violenza di maturazione spinta, dove gli odori sono sparati a un grado di intensità davvero iperbolica, ci sembra sia ricca anche la parte fruttata, che riconosciuta degustando blind forse ci avrebbe forse tratto in inganno e ci avrebbe fatto propendere per un ex refill-sherry: frutta rossa e frutta gialla succosa (pesche sciroppate); zuppa inglese, o certi babà intrisi d’alcol… Dopo un po’, e con una goccia d’acqua, si apre molto e rivela perfino una nota, cremosa, di vaniglia.
a

P: qui l’alcol non può fare il miracolo di scomparire e si sente un po’ di più, rendendo questo whisky un po’ ostico, se non diluito. Come c’era da aspettarsi, si sbatte contro un muro di sapore massiccio, e si palesa ancora più che al naso la maturazione, con stangate di legno. Abbastanza secco, quasi allappante; intensissimo ma non facile. Al di là della prepotenza del legno, resta saporito e molto succoso; soprattutto dopo un po’ di tempo escono punte di frutta gialla, di malto, e fa venire in mente la classica brioche all’albicocca. A tratti succo tropicale (greve però; note di banana molto matura) e tracce di vaniglia. L’acqua attenua l’alcol, ma al contempo la legnosità, ancora astringente, non diminuisce e anzi si lascia appiattire addosso i sapori. Un  po’ di nocciola e di liquirizia.

F: abbastanza lungo, secco e maltoso, ancora pesche e legno speziato.

A pensare all’età effettiva, impressiona davvero il livello di maturazione di questo malto, aiutata (anzi, forzata) dal clima umido e caldissimo d’India: pensate che l’angel’s share è stato circa del 40% in soli quattro anni! Di certo, questo enfant prodige non si nega degli spunti notevoli, soprattutto sul lato dell’intensità dei sapori, fruttati e legnosi: proprio la legnosità spiccata ci fa interrogare sull’apporto della botte, senz’altro ‘eccessiva’ – diciamo che saremmo curiosi di assaggiare un Amrut invecchiato (se così si può dire) in legni meno attivi. 84/100, in ogni caso, è il nostro voto; grazie a Gianni per la bottiglia!

Sottofondo musicale consigliato: GiorgiaUn’ora sola ti vorrei

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=JUNwENuXeBY&w=560&h=315]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Amrut ‘single cask for la Maison Du Whisky’ (2009/2013, OB, 60%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress