TASTING NOTES

Aberfeldy(6)

Aberlour(14)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(3)

Allt-a-Bhainne(1)

AnCnoc(6)

Annandale(1)

Ardbeg(59)

Ardmore(18)

Ardnamurchan(4)

Arran(25)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(8)

Aultmore(7)

Balblair(16)

Balmenach(1)

Balvenie(23)

Banff(2)

Ben Nevis(22)

Benriach(18)

Benrinnes(22)

Benromach(17)

Bladnoch(7)

Blair Athol(15)

Bowmore(56)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(36)

Bunnahabhain(42)

Caol Ila(72)

Caperdonich(4)

Cardhu(6)

Clydeside(1)

Clynelish(61)

Cragganmore(4)

Craigellachie(7)

Daftmill(7)

Dailuaine(13)

Dallas Dhu(4)

Dalmore(10)

Dalwhinnie(9)

Deanston(5)

Dufftown(5)

Edradour(4)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(15)

Glen Elgin(10)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(22)

Glen Keith(14)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(4)

Glen Scotia(9)

Glen Spey(4)

Glenallachie(20)

Glenburgie(8)

Glencadam(8)

Glencraig(1)

GlenDronach(27)

Glendullan(5)

Glenesk(2)

Glenfarclas(23)

Glenfiddich(17)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(14)

Glenkinchie(2)

Glenlivet(19)

Glenlochy(1)

Glenlossie(12)

Glenmorangie(17)

Glenrothes(19)

Glentauchers(11)

Glenturret(10)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(8)

Highland Park(44)

Imperial(7)

Inchgower(5)

Isle of Harris(1)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(32)

Kilkerran(13)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(30)

Lagg(3)

Laphroaig(54)

Ledaig(22)

Lindores(1)

Linkwood(19)

Littlemill(13)

Loch Lomond(8)

Lochlea(2)

Lochside(1)

Longmorn(23)

Longrow(12)

Macallan(42)

Macduff(12)

Mannochmore(5)

Millburn(1)

Miltonduff(10)

Mortlach(29)

Nc’Nean(1)

North Port-Brechin(1)

Oban(11)

Octomore(10)

Old Pulteney(6)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(24)

Raasay(2)

Rosebank(20)

Roseisle(1)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(10)

Speyburn(2)

Speyside(11)

Springbank(51)

St. Magdalene(5)

Strathisla(4)

Strathmill(5)

Talisker(27)

Tamdhu(7)

Tamnavulin(3)

Teaninich(7)

Tobermory(12)

Tomatin(17)

Tomintoul(13)

Torahbaig(1)

Tormore(6)

Tullibardine(4)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (69)

Glenallachie 21 yo First batch (2020, OB, 51.4%)

Dieci anni celo. Dodici celo quadruplo. Quindici celo. Diciotto celo. Ventuno… Eh, ventuno manca! Nella nostra collezione di assaggi spicca il posto vuoto del 21 anni di GlenAllachie e la cosa è grave. La distilleria di Billy Walker, una delle poche indipendenti rimaste, da quando è passata di mano ci sta dando dentro con un core range interessante e profondo, con sperimentazioni interessanti sui legni e la consueta precisione produttiva, figlia sia delle caratteristiche tecniche innovative della distilleria, sia della maestria di Walker & C. Quindi è magno cum gaudio che oggi ci versiamo il primo batch del 21 anni e chiudiamo l’album. Nella fattispecie, questo batch imbottigliato nel 2020 consta (che bella parola) di hogshead e puncheon ex Pedro Ximenez, e l’outturn è di 1600 bottiglie. Il colore è un sensazionale mogano con venature quasi cremisi.

N: se arrivi in Lapponia ti aspetti neve, renne e Babbo Natale. Se annusi un GlenAllachie in PX ti aspetti acidità, frutti rossi e uvetta sotto spirito. E infatti c’è tutto. Un naso perfettamente in sincrono con le aspettative, a partire dalla prima snasata, che ha una parte di aceto di lamponi, due parti di bacche varie (ribes soprattutto) e frutta essiccata tipo uva sultanina e prugne, magari ammollata nel rum. Albicocche secche, anche. E anche un chinotto sensazionale. Caffè etiope e cioccolato fondente. Col tempo la nota acida si stempera, cresce quella vinosa un po’ sticky (datteri), il legno e un accento balsamico, quasi di cipresso e anice stellato. Foglie secche, lasciate davanti a un camino spento. Ma soprattutto erbe. Erbe aromatiche, erbe secche della tisana, rosmarino, menta secca… Davvero sfaccettato. La diluizione lo banalizza un po’.

P: gloriosamente difficile. Come spesso succede con invecchiamenti considerevoli in PX, l’astringenza è una nota di fondo dominante: parliamo di legno (tanto e in crescendo), liquirizia e tabacco Kentucky piccante. La dolcezza è tutta incentrata sul caramello bruciato e sullo zucchero di canna bruciato anche lui. L’acidità resta importante, di nuovo su frutti rossi, prugne secche, bucce di mela lasciate sulla stufa e aceto di sherry. Qualcosa di smalto, anche. Come quando Bombana si mangia le unghie dimenticandosi di essersi appena messo lo smaltino… Molto intenso, legnoso e polveroso. E’ come se qualcuno avesse fatto una tarte tatin non dolce con sopra cacao, cannella in polvere e polvere proprio, di quella che si deposita sulle assi di legno in cantina. Con acqua perde un po’ di compattezza e di lucida e diabolica spietatezza.

F: lungo e acidello, tutto sulle note del cioccolato fondente, del caffè e dell’amarena sottospirito.

Un clamoroso esempio di maturazione in PX in cui le note geneticamente acide del distillato si sposano e si amplificano a quelle dello sherry. Non è un whisky da bere a secchi, e neanche un whisky estivo e facile. Piuttosto è un whisky invernale, affilato, che cambia faccia, che non scende a compromessi, che insomma fa discutere e va goduto mentalmente più che istintivamente. Però ragazzi che pienezza e che cristallina manifestazione di sapori. Non è tra i bicchieri che sceglieremmo per una serata spensierata, ma è impossibile negare che sia un eccellente sherry monster per veri duri: 89/100. Un passetto in meno sulla scala dell’astringenza gli sarebbe valso il 90.

Sottofondo musicale consigliato: Hanni El Khatib – I got a thing

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

FACEBOOK

English Translation in progress