TASTING NOTES

Aberfeldy(6)

Aberlour(14)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(3)

Allt-a-Bhainne(1)

AnCnoc(6)

Annandale(1)

Ardbeg(59)

Ardmore(18)

Ardnamurchan(4)

Arran(25)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(8)

Aultmore(7)

Balblair(16)

Balmenach(1)

Balvenie(23)

Banff(2)

Ben Nevis(22)

Benriach(18)

Benrinnes(22)

Benromach(17)

Bladnoch(7)

Blair Athol(15)

Bowmore(56)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(36)

Bunnahabhain(42)

Caol Ila(72)

Caperdonich(4)

Cardhu(6)

Clydeside(1)

Clynelish(61)

Cragganmore(4)

Craigellachie(7)

Daftmill(7)

Dailuaine(13)

Dallas Dhu(4)

Dalmore(10)

Dalwhinnie(9)

Deanston(5)

Dufftown(5)

Edradour(4)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(15)

Glen Elgin(10)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(22)

Glen Keith(14)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(4)

Glen Scotia(9)

Glen Spey(4)

Glenallachie(20)

Glenburgie(8)

Glencadam(8)

Glencraig(1)

GlenDronach(27)

Glendullan(5)

Glenesk(2)

Glenfarclas(23)

Glenfiddich(17)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(14)

Glenkinchie(2)

Glenlivet(19)

Glenlochy(1)

Glenlossie(12)

Glenmorangie(17)

Glenrothes(19)

Glentauchers(11)

Glenturret(10)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(8)

Highland Park(44)

Imperial(7)

Inchgower(5)

Isle of Harris(1)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(32)

Kilkerran(13)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(30)

Lagg(3)

Laphroaig(54)

Ledaig(22)

Lindores(1)

Linkwood(19)

Littlemill(13)

Loch Lomond(8)

Lochlea(2)

Lochside(1)

Longmorn(23)

Longrow(12)

Macallan(42)

Macduff(12)

Mannochmore(5)

Millburn(1)

Miltonduff(10)

Mortlach(29)

Nc’Nean(1)

North Port-Brechin(1)

Oban(11)

Octomore(10)

Old Pulteney(6)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(24)

Raasay(2)

Rosebank(20)

Roseisle(1)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(10)

Speyburn(2)

Speyside(11)

Springbank(51)

St. Magdalene(5)

Strathisla(4)

Strathmill(5)

Talisker(27)

Tamdhu(7)

Tamnavulin(3)

Teaninich(7)

Tobermory(12)

Tomatin(17)

Tomintoul(13)

Torahbaig(1)

Tormore(6)

Tullibardine(4)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (69)

Il gioco delle coppie (in famiglia): Glenfarclas 1998 ‘Family cask #7635’ (1998/2020, OB, 57,9%) vs GLENFARCLAS 1992 ‘FAMILY CASK #2904’ (1992/2020, OB, 55,9%)

In tutta sincerità, voi ricordate esattamente dove avete comprato ogni singolo pacco di pasta Barilla che avete in dispensa e ogni benedetta scatoletta di tonno? Sapete dire se arriva dal Carrefour, dall’Esselunga o dalla mensa dei poveri? Allo stesso modo anche a noi capita di ritrovare dei samples di madre ignota e provenienza ancor più oscura. Per esempio, oggi decidiamo di assaggiare due Glenfarclas della serie Family Casks, in cui ogni anno finiscono i barili più eccezionali della warehouse. Qui abbiamo due imbottigliamenti dell’estate 2020: entrambi sherry butt, uno di 28 e uno di 22 anni. Da dove arrivano non lo ricordiamo, ma li ameremo come se fossero figli (pardon, samples) nostri.

Glenfarclas 1998 ‘Family casks’ (2020, OB, 57,9%)
C: aranciato. N: aranciato. Ma anche fragrante e vivace, può un naso essere scrocchiarello? Ricorda in maniera impressionante la freschezza fruttata di certi cognac: mandarino, pesca al vino, prugna acerba. Ma anche montagne di albicocche fresche e asprigne e colline di marmellata di albicocche. Il che ci conduce per mano in pasticceria, o meglio al bancone di un bar, dove qualcuno ha appena esposto delle brioches all’albicocca. Pasta di panettone anche, ma senza uvette. Sì, perché qui non c’è traccia di oscurità: astenersi cultori degli sherry cioccolatosi, umami e legnosi, qui si sta su note “alte”, con anche tracce di florealità. Vino evidente, ma è Moscato di Pantelleria più che altro. Miele di castagno, un velo di smalto e albicocche secche ad libitum. Forse un tocco di dado vegetale. P: un palato di estrema pulizia, nitido come le linee degli edifici di Alvaro Siza Vieira. Razionale e necessario, nel senso che il lato dolce è evidente ma è solo un nucleo senza eccessi: miele, albicocca secca, vino Moscato. Punto. Poi si sviluppa in profondità il legno, che è asciutto, aromatico e mai troppo ridondante. Mandorle, pepe, noce moscata e bucce di mandarino. A metà palato un guizzo di astringenza (di troppo?) si fa notare: tè nero, liquirizia, nocciole con la buccia amarognola. F: coerente e lungo, di nuovo asciutto e austero, con un tocco di tabacco oltre all’arancia amara e al legno.
Un whisky che mette soggezione, che concede pochissimo agli svolazzi della fantasia. Molto sul pezzo, si prende sul serio e va preso sul serio, perché è un perfetto esempio di “sherry aplomb”, ovvero quando la sherry bomb si mantiene più discreta. Elegante, per i fan della verticalità anche nel gusto. Una piccola concessione in più alla morbidezza avrebbe regalato due punti ulteriori: 89/100.

Glenfarclas 1992 ‘Family casks’ (2020, OB, 55,9%)
C: ambra chiara. N: un po’ timido, sicuramente meno fruttato del fratellino. Qui il peso degli anni si sente tutto, comandano note di legno, sandalo, poutpourri. Frutta secca (bacche di goji essiccate, nocciole, arachidi) e spezie. Pesche ai chiodi di garofano e un sentore vinoso più pieno e caldo fanno pensare al vin brulè. C’è poi qualcosa di più inorganico, enigmatico: sacchi di iuta dimenticati in cantina, un accenno di muffe nobili, tappeti lasciati in un angolo da generazioni, con la loro inevitabile nuvola di polvere attorno. E in questa polvere si mischiano anche cacao, cannella. Buccia di pompelmo rosa e rabarbaro, che non è balsamico ma quasi, diciamo erbe amare. Naso difficile. P: clamorosamente sorprendente, ci rimaniamo male. Nel senso che ha una dolcezza affabile e una texture masticabile che non sospettavamo. Per intenderci, è decisamente meno severo e asciutto del 1998, apre con un bel caramello, pesche sciroppate, miele di castagno e gelee all’arancia (rossa). La dolcezza scivola su un corpo oleoso, dove il malto è protagonista. Tutto si fonde benissimo, tra cioccolato molto pastoso, cereale (l’Ovomaltina, più che altro) e un senso di panna, grasso e godurioso. Speziette a fare da corredo, con dell’agrume, ma senza prendersi la scena. Copre il palato con un senso di gianduia e con un accenno erbaceo. F: lungo, avvolgente. Cioccolato fondente al caramello (tostato), arachidi, legno di pino balsamico.
Davvero diversi, quasi complementari. Tanto era spietatamente rigido il primo, tanto è curiosamente amichevole il secondo. Ancor più strano se si considera il naso buono ma non eccellente, sicuramente non la parte più espressiva del dram. In compenso al palato è semplicemente perfetto, un invecchiamento in sherry (forse meno intenso del 1998) eccezionale per equilibrio, spessore e profondità, che ci fa dire senza dubbio 91/100.

Sottofondo musicale consigliato: Sister Sledge – We are family

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

FACEBOOK

English Translation in progress