TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

Allt-a-Bhainne(1)

AnCnoc(6)

Ardbeg(55)

Ardmore(17)

Ardnamurchan(2)

Arran(24)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(8)

Aultmore(7)

Balblair(15)

Balmenach(1)

Balvenie(21)

Banff(2)

Ben Nevis(18)

Benriach(17)

Benrinnes(18)

Benromach(16)

Bladnoch(6)

Blair Athol(14)

Bowmore(52)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(31)

Bunnahabhain(38)

Caol Ila(71)

Caperdonich(4)

Cardhu(6)

Clynelish(58)

Cragganmore(4)

Craigellachie(6)

Daftmill(5)

Dailuaine(11)

Dallas Dhu(4)

Dalmore(10)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(13)

Glen Elgin(9)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(18)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(4)

Glen Scotia(9)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

Glencraig(1)

GlenDronach(26)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(22)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(13)

Glenrothes(17)

Glentauchers(9)

Glenturret(9)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(7)

Highland Park(38)

Imperial(7)

Inchgower(5)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(30)

Kilkerran(11)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(29)

Laphroaig(51)

Ledaig(22)

Lindores(1)

Linkwood(18)

Littlemill(12)

Loch Lomond(7)

Longmorn(22)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(5)

Millburn(1)

Miltonduff(10)

Mortlach(28)

Nc’Nean(1)

North Port-Brechin(1)

Oban(10)

Octomore(9)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(24)

Raasay(2)

Rosebank(17)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(42)

St. Magdalene(5)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(23)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(13)

Tomintoul(12)

Torahbaig(1)

Tormore(6)

Tullibardine(3)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (66)

Macallan “Rich cacao” – The Harmony collection (2021, OB, 44%)

Una delle rinunce più crudeli a cui siamo stati costretti dalla pandemia è senz’altro aver passato quasi due anni senza partecipare a una degustazione tenuta dal vivo da Nicola Riske, volto e anima di Macallan in Europa da ormai parecchi anni. Nicola, che vive in Spagna, è nata in Canada e vanta antiche radici scozzesi, è di casa a Milano e di sicuro da queste parti conta una schiera di fan lunga così, a cui siamo iscritti anche noi, ovviamente. Non solo perché irradia entusiasmo e buon umore, ma anche perché è un’ambasciatrice di rara competenza. E infatti è stata recentemente insignita del titolo di Global Ambassador of the year, diventando un’Icon of whisky.

Fatta questa premessa che somiglia alla dichiarazione di una cotta adolescenziale collettiva, recuperiamo un minimo di sobria dignità per raccontarvi l’occasione in cui Nicola è tornata a Milano e noi siamo tornati al mitologico Ceresio 7, tradizionale lochesciòn dei lanci delle nuove release di Macallan. In realtà, questa volta è stata qualcosa di più, ovvero il lancio di una release che inaugura una nuova serie. E dato che quando si mette nella stessa frase “Macallan+release+serie” migliaia di ricconi asiatici iniziano a fregarsi le mani, ci precipitiamo a dirvi di cosa si tratta.

A quanto capito, The Harmony collection dovrebbe essere la serie che va a sostituire le Limited editions (le releases numerate e colorate, per intenderci). Leit motif della serie sarà la sostenibilità ambientale del packaging, realizzato con materiali di recupero. Il che significa che Greta Thunberg è contenta e dunque lo siamo anche noi. Il primo rilascio si chiama “Rich cacao” e appunto il box e l’etichetta sono realizzati con gli scarti della lavorazione delle fave. Condensiamo la storia in una pralina: l’ispirazione ha colto la whiskymaker Polly Logan durante una visita a Casa Cacao, la cioccolateria di Girona “cugina” del ristorante tristellato El Celler de Can Roca. Da qui l’idea di un whisky che non solo si abbinasse perfettamente al cioccolato, ma che ne portasse in seno le note sensoriali, realizzato in collaborazione appunto con Jordi Roca. Ecco perché qualche settimana fa ci siamo trovati al rooftop del Ceresio 7 a sorseggiare Macallan in abbinamento con cinque creazioni del maestro Guido Castagna, appositamente pensate per esaltare alcune note del whisky, invecchiato esclusivamente in barili ex sherry (rovere sia americano sia europeo).
Sfidando il diabete, ci siamo sacrificati per dirvi in anteprima com’è. Non ci ringraziate, per noi è un dovere.

N. a costo di essere banali, la prima sensazione è… cioccolato! E di cosa doveva sapere, di pizza ai funghi? Cerchiamo di essere più precisi: il naso è molto denso, pastoso e tostato. Boeri, caffè espresso cremoso, arachidi tostate. Intense spezie “scaldano” un whisky invernale, che davvero ricorda una giacca di tweed: cannella, chiodi di garofano e parecchio tabacco. La parte fruttata è processata, con arancia caramellata, mele candite e miele di castagno colante. L’alcol si fa sentire senza essere sgradevole, Un cenno di liquirizia e polvere da sparo. Col tempo si ossigena e si fa più morbido ed espressivo, il cioccolato si libera e galoppa ovunque. O dite che non galoppa il cioccolato?

P. palato più austero e secco rispetto al naso. Qui il legno la fa da padrone, con tannini e noci ben integrati con le note di cacao amaro. In generale non c’è dolcezza “facile”: ci sono datteri ma non dolci, pesche e bacche di goji essiccate. La dimensione tostata è più evidente, con il malto in prima fila e fave di cacao. In generale, forse un po’ più di profondità e qualche screziatura extra non avrebbero fatto male.

F. frutta secca, chinotto, zucchero brulé e legno.

Questo whisky ci dà il destro per affrontare un tema che ci ronzava in testa da un po’, ovvero la recente tendenza delle distillerie a creare profili aromatici che riproducano una particolare sensazione. Sono sempre di più i single malt ideati esattamente per ricreare un ingrediente, per evocare un momento o un’esperienza. Qui c’è il cioccolato, nella serie di “Tales” di Glenmorangie era un dolce, oppure una merenda natalizia. Senza citare i Dalmore e i Tomintoul pensati in abbinamento con i sigari. Noi, che siamo noiosi conservatori ma solo fino a un certo punto, non siamo pregiudizialmente contrari. Ma a patto che il liquido sia di qualità, e nel caso del Rich Cacao lo è senz’altro. Un Macallan moderno, con un uso ingegneristico e preciso dei legni, studiato a tavolino e realizzato con il calibro, ma che riesce perfettamente a replicare la goduria del cacao senza eccedere né in spezie, né in note tostate, né in dolcezza. Non un capolavoro immortale (di fatto è abbastanza giovane e manca di profondità), ma a 44% ha una buona struttura e sicuramente ha anche un suo perché: 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: Renzo Arbore – Cacao meravigliao (“lo sponsorao della nostra trasmissao”)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “Macallan “Rich cacao” – The Harmony collection (2021, OB, 44%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress