TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(45)

Ardmore(13)

Ardnamurchan(2)

Arran(23)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(7)

Aultmore(7)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(19)

Banff(1)

Ben Nevis(14)

Benriach(17)

Benrinnes(12)

Benromach(15)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(29)

Bunnahabhain(31)

Caol Ila(65)

Caperdonich(4)

Cardhu(5)

Clynelish(46)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(5)

Dailuaine(8)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(7)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(16)

Glentauchers(7)

Glenturret(8)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(34)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(29)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(28)

Laphroaig(48)

Ledaig(20)

Linkwood(16)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(19)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(9)

Mortlach(24)

North Port-Brechin(1)

Oban(9)

Octomore(8)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(23)

Raasay(2)

Rosebank(14)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(40)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(20)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(11)

Tomintoul(11)

Torahbaig(1)

Tormore(5)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (63)

Caol Ila 10 YO (2010/2021, Whiskyfacile, 58,1%)

Il nostro affezionato astronauta, l’avatar che rappresenta l’ansia di conoscenza dell’ignoto etilico di noi giovani Facili, continua il suo viaggio, anzi la sua odissea nello spazio del whisky. E con lui prosegue la serie di single malt da noi selezionati. Il Chapter V della collezione A Space Whisky Odyssey è senz’altro quello che più ha minacciato la nostra navigazione nell’inquieto oceano dell’imbottigliamento indipendente. Prima di raccontare la sua storia, ve lo presentiamo: signori, ecco a voi il Refill sherry butt #316624, distillato nel 2010 e imbottigliato nel 2021. Luogo di nascita: Caol Ila distillery, pianeta di Islay.
Piccolo passo indietro: nella nostra ricerca matta e disperatissima di barili, ci eravamo imbattuti già nel 2020 in un sample di Caol Ila in sherry dal ricco portfolio di Signatory. Il tempo di riceverlo, assaggiarlo, approvarlo e fermarlo e quel barile era svanito. Puff! Già venduto. Anzi, ad essere precisi era stato venduto mesi prima e già imbottigliato. Ma voi che ci conoscete bene, sapete che se ci fissiamo su una cosa difficilmente rinunciamo. E dunque abbiamo inseguito la nostra Moby Dick del Caol Ila in sherry finché non abbiamo trovato… una sirena! Sirena un po’ inusuale, dato che non è bionda come nell’iconografia classica ma di un eccezionale color mogano. Ci siamo infatuati, ecco perché.

N: più che una sirena, una esplosiva ragazza fast food direttamente dal Drive In. Nel senso che attacca bombastico su note di salsa barbecue, wurstel, costine glassate… Succulento e anche un po’ appiccicoso, proprio come le costine American style. Occorre un attimo per distinguere tre anime che si alternano alla guida del naso: dopo quella più umami, che arriva fino al formaggio di fossa e a un accenno sulfureo, esplode quella di una dolcezza fruttata pienissima. Pesche sciroppate, frutta rossa (ribes, uva fragola, ma soprattutto la ciliegia nel Manhattan), marmellata di arance. Infine, ecco la torba sotto forma di carbone e fumo spesso, bruciata, che si taglia col coltello. Senza dubbio ricchissimo, spunta anche un accenno di resina e sul finale anche il mare – è pur sempre una sirena, seppur vietata ai minori -, con acqua salmastra e alghe. Spezie in crescendo, paprika a palate come in un goulash ben fatto.

P: ancora deflagrante, non è decisamente un whisky sussurrato. Ma a differenza del naso, qui secondo noi Caol Ila batte sherry, nel senso che il dna del distillato isolano emerge più deciso. C’è ovviamente ancora una pesante coltre di salsa barbecue, formaggio, salsiccia e pellame (con anche qualcosa del miele di castagno), ma poi si scatena la torba di Islay: tizzoni bruciati, falò, ma anche un lato più secco e marino. Fa specie dirlo in un palato così “gastronomico” da ricordare in molti tratti il petto d’anatra affumicato, ma qui e là si direbbe quasi che sotto si agita un distillato “pulito”. Frutti rossi e rabarbaro a chiudere. L’aggiunta d’acqua rende la torba ancor più bruciata e dilagante e il palato si riempie di pepe nero e amarena. Legateci all’albero maestro della nave, altrimenti corriamo dalla sirena senza neanche toglierci le Clark’s.

F: lunghissimo, ribes acidini, carboni ardenti (ma non tipo mangiafuoco, eh) e caldarroste. E soprattutto una sapidità diffusa che ricorda il caramello salato.

“Finché nuota sott’acqua, ogni pesce può sembrare sirena”, scriveva Gesualdo Bufalino, oppure il titolare della pescheria Spadari, non ricordiamo bene. Ma che accade se si nuota sotto il livello del dram? Eh, succede che la sirena ammalia e non ci si può far nulla. Un canto per nulla soave, un richiamo feroce alla goduria, all’esagerazione, al fuoco, alle lusinghe della golosità, all’ebbrezza, alle grigliate, all’intensità che vince sulla morigeratezza. Se avete voglia di naufragare nell’eccesso, lo trovate sul nostro shop.

Sottofondo musicale consigliato: The Crystal Method – Born too slow

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress