TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Glenlivet 13 yo (2007/2020, Signatory, 46%)

glenlivet-2007-signatory

Nel tempo siamo diventati dei fan dei whisky a grado ridotto, purché non filtrati a freddo: non necessariamente, non a tutti i costi, e ovviamente sappiamo quanto il grado pieno sia importante per consentire a ogni bevitore di giocare con l’acqua e di scoprire come evolve un whisky – e certo, se parti avendocelo già ridotto qualcosa lo perdi irrimediabilmente. E però, certamente la bevibilità ne guadagna molto: Signatory negli ultimi mesi ha messo sul mercato moltissimi single cask di Glenlivet, tendenzialmente in sherry, e tendenzialmente a gradazioni monstre, quasi sempre sopra i 60 gradi (arrivando anche ai 66…). Ora, benissimo: però forse così è un po’ troppo, no?, la bevuta rischia di diventare un’operazione intellettuale, una sfida che non sempre uno ha voglia di affrontare – talvolta uno beve anche solo per piacere, no? Accogliamo felicemente questo Glenlivet, proprio di Signatory, imbottigliato nella storica serie Un-Chillfiltered Collection, a 46%: il barile #900240 era un first fill sherry cask. Avanti.

glenlivet-2007-signatory

N: a 46 gradi si presenta subito povero di misteri ma ricco di emozioni. C’è una parte molto generosa di brioches all’albicocca, di arancia, pesca matura e papaya candita. Marzapane, uvettta e torta paesana (torta di latte), mentre la parte vinosa è tesa, non appesantisce, così come il legno, che agisce da educato sparrring partner. Un lato floreale lo impreziosisce, ci viene in mente la carta d’eritrea.

P: praticamente una torta paesana liquida. Parliamo di una torta di latte, biscotti secchi, uvetta, burro. Tutte cose che ritroviamo ben amalagamate in questo Glenlivet. In generale è succoso e la gradazione ridotta aiuta a berne senza paura. Un graffio legnoso dà spezie tipo cannella.

F: uvetta, legno, zenzero. Una punta di acidità che ripulisce bene.

Partiamo dal voto: 86/100. Glenlivet conferma il consueto garbo, sostenendo una botte attiva ma decisamente rispettosa delle qualità fruttate del distillato di casa. Sicuramente è un whisky per golosoni, eppure non risulta mai stucchevole, è semplice eppure per nulla scontato. Con anche un ottimo rapporto qualità/prezzo, onestamente non sapremmo cosa inventarci per non apprezzarlo. Bene così.

Sottofondo musicale consigliato: Yes – Yours is no disgrace.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com