TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Talisker 41 yo (1978/2019, OB, 50,7%)

talisker-41-year-old-bodega-series-no-2

Tu pensa che sfoggio di benessere Diageo: hai un Talisker del 1978 e sprezzante del pericolo decidi di spostarlo in 6 botti di Sherry Manzanilla, per poi metterlo sul mercato in un packaging molto bello, come seconda edizione della Bodega Series. Da appassionati un po’ integralisti, di fronte a una cosa del genere drizziamo le antenne con un pizzico di timore (“ma sarà stata una buona scelta?”, come se noi ne sapessimo qualcosa) – la fortuna è che da un paio di mesi ne abbiamo due samples nell’armadietto, dunque senza lasciar passare altro tempo affrontiamo questo malto per il cui acquisto servono più di tre testoni. Anvedi ahò.

talisker-41-year-old-bodega-series-no-2

N: il naso è quello delle grandi occasioni, ma non c’era da aspettarsi nulla di diverso. La complessità è tanta, le direzioni dell’olfatto molteplici, e la delicatezza è devastante: partiamo col rilevare quella nota di ‘whisky molto vecchio’, con una patina di malto/cera d’api/paraffina mescolata a una frutta evoluta, quasi tropicale (ci sentiamo mango disidratato e banana). Ci sono poi note ‘fresche’ che stanno tra la clorofilla e la canfora – e proprio la canfora ci porta verso note di torba leggerissima, delicata, di smog e con un velo appena sfumato di panno del gommista (eh?). Albicocca disidratata. Un senso etereo di pastiera napoletana, fiori d’arancio, fiori di zafferano. Elegantissimo, un velluto di whisky.

P: di nuovo, l’attacco è delicatissimo a fronte di un corpo denso e setoso – la parte forse più esaltante è di nuovo questa combo tra pepe, cera d’api / paraffina e chicchi di sale, onestamente elegantissima e di una piacevolezza che non ha pari. La parte dolce è evidente, e qui, oltre a una quota ‘organica’ di frutta molto evoluta ancora al limite del tropicale, si sente che c’è qualcosa in più – una sorta di mix tra albicocche mature e agrumi (Manzanilla). Un poco di vaniglia. C’è anche un qualcosa di ancora canforato, clorofilloso, molto verde e fresco.

F: lungo e strutturato, con l’anima di Talisker, salata e pepata, che duetta felicemente con una frutta dolce, carica, ancora fatta di banana e frutta disidratata. Salamoia, olive nere.

Un momento di gloria davvero rara: quanto spesso capita di bere un whisky del 1978, quanto spesso capita di bere un whisky di 41 anni, quanto spesso capita di bere un Talisker del 1978 di 41 anni? Quasi mai, diciamocelo apertamente. E allora dobbiamo innanzitutto ringraziare Diageo e il Milano Whisky Festival che ci hanno omaggiato di questo sample, e poi affidare serenamente ai numeri la goduria della bevuta: . Elegante, delicato, con un naso da urlo e un palato in cui il finish si sente certo un po’ di più, andando forse a scalfire con un velo di trucco una bellezza altrimenti ineccepibile nella sua naturalezza. La sintesi, appunto, è 92/100. In vendita, tra gli altri, anche qui.

Sottofondo musicale consigliato: Ornella Vanoni, Toquinho, Vinicius De Moraes – La voglia, la pazzia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com