TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Ireland 26 yo (1989/2015, The Nectar of Daily Dram, 49,8%)

ireland-26-nectar-lmdw

Dopo la settimana di gozzoviglie e bevute irlandesi nei giorni intorno a San Patrizio, abbiamo deciso di incoraggiare ulteriormente la nostra nuova passione, inaugurando i “Venerdì verdi”. Da qui in avanti, finché non decideremo insindacabilmente che non ci va più, ogni venerdì ci beeremo di un Irish whiskey. E lo berremo pure, che non è mai beato chi non ha bevuto. Iniziamo con un imbottigliamento indipendente, ormai sempre più rari, bisogna dire. Un Irish di 26 anni, presumibilmente distillato a Cooley, e imbottigliato nell’ormai lontano 2015 dall’olandese Nectar insieme a La Maison du Whisky. Attorno alla metà degli anni ’10 non era così strano trovare Irlandesi distillati a cavallo del 1990, e nel tempo si sono guadagnati una discreta fama: vediamo se questo single cask su cui siamo riusciti a mettere le mani mantiene le promesse.

ireland-26-nectar-lmdw

N: il profilo è spettacolare, anzi spettacolarmente fruttato: le prime note sono da super Irish, con tantissima frutta gialla e tropicale, da ananas (anche sciroppato) a mango e guava, da albicocca a mela matura. Ha una patina croccante, cerealosa e soprattutto di caramello, di toffee, a dare una piacevolissima pesantezza zuccherina. C’è anche una punta deliziosa di cera, anzi proprio di candela aromatizzata alla frutta. Non si pensi a qualcosa di greve però, c’è una freschezza, tra l’agrumato e l’erbaceo, fantastica. Naso stellare.

P: mamma mia, che orgasmo fruttato. Di grandissima coerenza con il naso, squaderna un esercito di frutta tropicale devastante, ancora su guava, mango, ananas e lychees. Emersioni agrumate (tra mandarino e bergamotto) a conferire freschezza e una deliziosa acidità, che lo tiene bello teso. Viene meno il caramello, sostituito da un morbido miele, e ancora un po’ di cera. Solo verso il finale un po’ di pepe bianco o zenzero, una lievissima speziatura.

F: prosegue questo miracolo di freschezza fruttata, con note zuccherine di zucchero filato alla frutta – ma di nuovo c’è un’acidità di frutta tropicale o agrumi a tenere insieme il profilo. Brioche burrosa. Spettacolare.

Alcuni di noi trovano questo profilo quanto di più suadente e seducente esista al mondo: frutta tropicale devastante, senza esitazioni né timori. Qualcuno lo troverà ruffiano, forse perfino ‘facile’: ma vi garantiamo, la componente edonistica di una bevuta del genere trova pochi eguali nel mondo del whisky. Straordinariamente gustoso, pieno e bello grasso, di una dolcezza che non eccede mai nello stucchevole e anzi si mantiene teso grazie a note agrumate e a un’acidità davvero ben proporzionata. Un piccolo capolavoro, i nostri nuovi venerdì gaelici iniziano tinti di verde speranza: 92/100.

Sottofondo musicale consigliato: Paolo Conte – Tropical.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Ireland 26 yo (1989/2015, The Nectar of Daily Dram, 49,8%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

FACEBOOK

English Translation in progress