TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Laphroaig 10 yo ‘Cask Strength’ (2016, batch #008, 59,2%)

Chi ha la sventura di frequentarci sa bene quanto a noi non piaccia il Laphroaig 10 anni ‘normale’, a grado ridotto: prima o poi, promettiamo, scriveremo le nostre cattive opinioni anche sul blog. Per contro, nei confronti del 10 anni Cask Strength abbiamo una vera e propria venerazione: quando eravamo su Islay a ottobre non abbiamo potuto esimerci dal portarci a casa un grasso sample dell’ultimo nato, il batch #8, che finalmente sbocciamo quest’oggi.

N: come a Napoli accade tre volte l’anno, anche a Laphroaig avviene un miracolo: non ci sono statue che piangono sangue, ma whisky a quasi 60° che non svelano manco una leggera nota alcolica. L’intensità è clamorosa ed è pure molto complesso: iniziamo dalla nota balsamica, tra eucalipto e borotalco e aghi di pino; poi non dimentichiamo una ‘dolcezza’ molto forte, sparata ma non pacchiana, di vaniglia, caramello e liquirizia, mentre la frutta (quella rossa in particolare) resta solo allusa, quasi un miraggio. Dopo un po’, si scorge un mantello che altro non è che la garza, il medicinale tipico di Laphroaig… Rabarbaro, anche. Il tutto è perfettamente integrato e avvoltolato in un fumo di torba lieve, trattenuto dalla gradazione ma profondo, torboso e acre. Marmellatona d’arancia. Ah, quasi ci dimentichiamo di far cenno all’aria del mare che sbatacchia le sue onde sulla distilleria…

P: il miracolo di cui sopra si ripete anche al palato. È supermarino, supermedicinale: e già questa è una bella cosa da riscontrare. Si apre sull’acqua di mare, salata e intensa, al limite dell’ostrica, fusa con una dimensione balsamica e pienamente medicinale, acre; poi si squaderna una dolcezza per così dire ‘arancione’, con arancia in ogni forma (marmellata, scorzette), liquirizia, un po’ di miele scuro. After-eight? E pensate un po’, uno si perde in tutte queste suggestioni… e quasi si dimentica della torba, del fumo! Cose che a Laphroaig, voi sapete, pare brutto trascurare.

F: legno bruciato, cenere (pesante, quasi cenere di sigaro); perdura l’acqua di mare, il sale, e anche una prima dolcezza appiccicosa, da miele.

91/100: dispiace proprio aver preso solo un sample e non, che so, tre casse. Laphroaig lavora bene, benissimo, peccato che talvolta se ne scordi. Caldamente consigliato, come tutti i CS.

Sottofondo musicale consigliato: Aldous RH – Sensuality.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

3 thoughts on “Laphroaig 10 yo ‘Cask Strength’ (2016, batch #008, 59,2%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com