TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Cluny 12 yo (anni ’80, 40%)

Il terzo blended assaggiato alla degustazione di giovedì sera era questo Cluny 12 anni, dal colore ramato pieno che parrebbe rivelare una quota di ex-sherry, nella miscela, abbastanza importante… Cluny è marchio di proprietà della storica azienda di Glasgow White & Mackay, a sua volta proprietà di una grande multinazionale del food&beverage con sede nelle filippine (il magnate Andrew Tan ne è a capo), che a sua volta l’ha acquistata dal miliardario Vijay Mallya, l’indiano più ricco di tutti voi proprietario, tra le altre cose, della Force India – lui si era comprato W&Mackay perché il padre, bontà sua, ne era appassionato… Ma dopo tutte queste amenità, è forse il caso di assaggiare quel che abbiamo nel bicchiere, o no?

2980_0N: un naso particolare, inaspettato da un blended; sicuramente, svela ampie dosi di sherry, decisamente marcante. All’inizio ha note di frutta rossa e nera, davvero poderose (ciliegie sotto spirito, fragole di bosco, more): cioccolato ai frutti rossi. È un whisky ‘scuro’, che non lesina neppure suggestioni di zucchero bruciacchiato, di caramello, ma anche di frutta ‘zuccherosa’ (fichi secchi, prugne). A donare ulteriore complessità, anche due altre suggestioni, una balsamica e un’altra vagamente ferrosa. Liquirizia e fonda di caffelatte.

P: una bella intensità, anche se il corpo è fin troppo beverino e leggerotto. La frutta rossa del naso retrocede un po’, lasciando spazio a un profilo coerente ma più caramelloso. C’è cioccolato, c’è liquirizia, c’è quasi sciroppo d’acero; un sacco di uvetta sotto spirito, poi un che di erbaceo (ere infuse, quasi quasi da amaro). A margine, un mentovato/erbaceo insistente. Netta, spicca la china.

F: noce di Pecan (burroso dolcissimo legnoso) ed erbe infuse. Ancora, tanta china.

Un blended del passato che ancora una volta ci appare infinitamente persuasivo; svela, come detto, una quota di botti ex-sherry piuttosto ingente, probabilmente sia di malt whisky che di grain (o almeno, quel palato così dolceamaro a questo ci fa pensare), e anche per questo è stato scelto dall’ottimo barman dell’Harp Pub, Riccardo Corbetta, per comporre una variazione sul Sazerac. A noi il whisky è piaciuto molto, il cocktail altrettanto: ma valutiamo solo il primo, e lo facciamo con un 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: Linda Perhacs – Paper Mountain Man.
[youtube https://www.youtube.com/watch?v=82zHsczeRig]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Cluny 12 yo (anni ’80, 40%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!