TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Laphroaig 16 yo (1998/2015, Valinch & Mallet, 55,6%)

Lunedì abbiamo assaggiato un Clynelish magnifico selezionato e imbottigliato dal neonato marchio italico Valinch & Mallet: oggi rimettiamo il naso su un loro imbottigliamento, questa volta spostandoci però su Islay, nello specifico a Laphroaig. Si tratta di un barile ex-bourbon di quasi 17 anni, che giunge nei nostri bicchieri a 55,6%, distillato negli ultimi giorni in cui il buon Iain Anderson lavorava in distilleria (così ci dicono, noi riportiamo) – lo assaggiamo affianco al nuovo Arcobaleno, la nuova selezione di I Love Laphroaig, che pubblicheremo lunedì prossimo.

12305486_10153284939801958_1801105923_nN: alcol poco presente; è uno di quei Laphroaig maestosamente marini e finemente cesellati, senza eccessi di botte. C’è una torba un po’ ‘incazzata’, che produce un fumo denso, da smog, acre; e con qualcosa del borotalco. La nota medicinale, di garza, di ospedale, di clinica, è pungente ma fine. A dare la misura della raffinatezza del complesso valga il lato fruttato, tutto giocato su un balletto di cedro, lime e una bella quota di lychees. Il mare, si diceva: è più ‘aria di mare’ (in una fredda mattina umida…) che non acqua – sempre che si capisca cosa intendiamo. Un pelo di castagne bollite? Banana?

P: che cambio di passo!, qui è molto più aggressivo. Ancora intensamente marino, salatissimo; e ancora tanto medicinale (quasi: antibiotico), con una nota amaricante di legno bruciato davvero tanto intensa. Cenere, limone; si accentua moltissimo quel carattere indomito di Laphroaig che tanti appassionati ha nei secoli conquiso. Decisamente distillate-driven; con acqua si esalta il malto, l’orzo, e diventa un poco più morbido.

F: una landa spelacchiata di erba bruciata, cenere e sale; falò spento; lunghissimo, infinito.

Non possiamo che confermare l’impressione positiva ricavata dall’assaggio del Clynelish; anche questo Laphroaig è di alto profilo. Il naso è levigatissimo, pieno di severo contegno: mentre al palato si rivela incoerente, perché nudo nudo e davvero aggressivo, amaro, fortissimo. Intendiamoci, è una questione di gusti: noi assegneremo ‘solo’ (si fa per dire) un 87/100, ma è un profilo che – ad esempio – Serge probabilmente adorerebbe.

Sottofondo musicale consigliato: Toxic Holocaust – Acid fuzz.
[youtube https://www.youtube.com/watch?v=uKanmLGBEJA]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Laphroaig 16 yo (1998/2015, Valinch & Mallet, 55,6%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com