TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Laphroaig 15 yo ‘The Artist #3’ (1998/2013, Signatory for La Maison du Whisky, 60,1%)

Il Laphroaig di lunedì ci è proprio piaciuto; siccome siamo degli edonisti, a piacere vogliamo aggiungere altro piacere… Decidiamo quindi di cercarlo non nei boudoir di periferia, né nei centri massaggi con happy ending: puntiamo dritti verso un altro sample di Laphroaig, questa volta un single cask selezionato e imbottigliato da La Maison du Whisky (tramite Signatory) nella serie The Artist, #3. Si tratta di una botte refill-sherry, come già il fratellone che avevamo assaggiato circa un anno fa, imbottigliata dopo 15 anni di maturazione (1998/2013) senza filtraggio a freddo e senza coloranti aggiunti, a grado pieno. Via!, il colore è ambrato.

81671-normalN: non alcolico da respingerti, ma comunque ‘nabbestia: sembra invocare una goccia d’acqua. Anche neat, comunque, emergono ricche suggestioni di confettura di fragola, di arancia candita (arancia rossa). Contundente anche l’apporto di una torba intensa e acre, dello iodio (brezza marina) e del legno bruciato; legnetti di liquirizia. Con acqua, si apre decisamente: certo giova, lo rende più annusabile, e si apre su sciroppo per la tosse; anche il lato fruttato trae vantaggio, con note di fichi secchi e di pesche sciroppate; note proprio di sherry, liquorose; e anche gomma bruciata, diesel…

P: anche questo è un gran whisky: certo è alcolico, ma impone una parete di sapore violenta e compatta. È sia isolano e marino (acqua di mare, alghe) che legnoso, è sia fruttato (tra il tropicale e la fragola) che bruciato: e poi tanto agrume, dall’arancia al mandarino: mandarancio? Si scherza, dai, ci siamo intesi. Con acqua si fa più godibile, moltiplicando gli spunti possibili: la frutta è più varia, matura; poi un senso di dolcezza bruciacchiata che riassumiamo con: zucchero di canna.

F: non sarà un happy ending, ma di certo è un happy finish: zucchero di canna, fragola, fumo, gomma bruciata, torba acre… E dura tanto, tantissimo.

Rispetto al Laphroaig Cask Strength ‘green stripe’, questo forse ci piace un po’ di meno, resta (relativamente) più semplice e un po’ ‘artefatto’ dall’apporto della botte: botte che comunque si integra benissimo con il distillato, e a nostro giudizio sta un passo avanti rispetto alla prima versione di ‘The Artist’ che avevamo bevuto tempo fa. Insomma, basta paragoni; di certo c’è che Laphroaig regge molto bene lo sherry, e c’è anche che La Maison du Whisky sa scegliere le proprie botti… 90/100, e ancora grazie a Claudione per il sample.

Sottofondo musicale consigliato: Unearth – The Swarm.
[youtube https://www.youtube.com/watch?v=nhtoLKEfH34?rel=0]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Laphroaig 15 yo ‘The Artist #3’ (1998/2013, Signatory for La Maison du Whisky, 60,1%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!