TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Longmorn 21 yo (1992/2014, Whiskyclub.it, 50%)

Inizia oggi la #milanowhiskyweek, e sul sito la facciamo iniziare col botto. Da poche settimane è infatti nata una nuova realtà nel mondo del whisky italiano: si tratta di Whiskyclub.it, vale a dire un whisky club (e fin qui ci si poteva arrivare) che indossa il cappello delle due persone che forse, negli ultimi anni, più hanno contribuito a divulgare il verbo del whisky di malto tra le folle italiche, ovvero Claudio Riva e Davide Terziotti. Lasciamo la parola allo stesso Claudio: “un whisky club non è certo una novità e credo nemmeno quello che andremo a fare; abbiamo voluto principalmente convogliare e strutturare tutte le attività che facevamo già da diversi anni e cercare di consolidare ed espandere una rete di appassionati, ma anche di professionisti del settore, che è già in essere ma in cui vediamo grandi potenzialità di sviluppo. Non scordiamoci che, cosa sconosciuta ai più, l’Italia ha un patrimonio di imbottigliatori, selezionatori e collezionisti unico al mondo, tutti da conoscere e riscoprire. Il nostro approccio sarà quello di svestire completamente i prodotti e la divulgazione dal marketing, focalizzandoci principalmente verso i contenuti. Ovviamente, oltre ai contenuti, vorremmo riempire di ottimo whisky il maggior numero di calici possibili, considerato che il club dovrà essere inclusivo e non esclusivo”. Come è opportuno, iniziamo in questi giorni ad assaggiare alcune delle espressioni imbottigliate a marchio Whiskyclub.it: e iniziamo con un Longmorn di 21 anni, che verrà proposto in abbinamento ad alcuni formaggi nell’evento del club di giovedì sera; interessante l’assaggio anche per chi verrà venerdì alla nostra degustazione con Pernod, perché proprio Longmorn sarà una delle distillerie analizzate…

IMG_3093N: mostra subito una bella personalità… Bello aperto e profumato: la parola d’ordine è cremosità, declinata sia in pasticceria (vaniglia, cioccolato al latte, crema pasticciera, stracciatella) sia come frutta (cocco, tropicana – diremmo Chirimoya, se non avessimo pudore – pesca, sidro di mele). Poi, una bella zaffata agrumata da candito (cedro, arancio), ed anche un pit di anice… Fin qui sarebbe un ventenne, fresco e pieno di energia fruttata, e invece si porta dietro con grande classe belle note di legno umido, a supportare la già evidente complessità. Con acqua, poi, gli agrumi si fanno più intensi e aggressivi.

P: la gradazione è accessibile. Uno strano fenomeno: l’ingresso fa segnare un passo indietro rispetto all’intensità e alla complessità imperiose del naso, con una sensazione omogenea e attenuata di malto erbaceo, di frutta gialla, indifferenziata. Poi però, il colpo di reni, di coda, di scena: appena prima di deglutire fanno capolino esplosioni continue di sapori, che richiamano in tutto e per tutto il naso…

F: …e che nel finale sembrano non voler finire mai. Quindi: cocco, tropicalia, arancia e cioccolato e una grande cremosità burrosa che raramente pare così persistente al finale.

Il classico whisky di cui conviene avere una bottiglia: si trova sempre una scusa per bere un Longmorn così, complesso e intenso al naso, scoppiettante e beverino al palato, lunghissimo al finale… Un ottimo esempio di Speysider di questa età, fruttato e dolcino al punto giusto, cosa che nel nostro libretto corrisponde a 88/100, e chissà dove saremmo andati se il palato fosse stato ancora più deciso; complimenti a Davide e Claudio per la selezione della botte, domani proseguiamo con un altro malto, e aspettatevi fuoco e fiamme…

Sottofondo musicale consigliato: Robin Williams & Bobby McFerrinCome together.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=j6VbspP47oY?rel=0]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

3 thoughts on “Longmorn 21 yo (1992/2014, Whiskyclub.it, 50%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com