TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Clynelish 12 yo (1998, Hart Brothers per “Tre Archi”, 46%)

Pino Perrone!
Pino Perrone!

Oggi è l’International Whisky Day (ne parlano, tra gli altri, Serge qui e Andrea qui), in memoria del grande Micheal Jackson. Serge celebra con sette Macallan tra il 1940 e il 1958; possiamo sottrarci a una sfida? Sì, decisamente, perderemmo; quindi proseguiamo buonini buonini con lo sfoltimento dei nostri sample, e assaggiamo un giovane Clynelish imbottigliato da Hart Brothers per Tre Archi, un distributore italiano del novarese. Distillato nel 1998 e invecchiato per dodici anni nella botte #16357, questo Clynelish è ridotto a 46% e – a nostro gusto – ha un’etichetta molto bella. Non possiamo che ringraziare per questo assaggio (e non solo) il gentilissimo Pino Perrone, appassionato gestore dell’Emporio del Gusto di Roma e tra gli organizzatori dello Spirit of Scotland.

fotoN: oltre a note di cera e salamoia (caratteri ‘minerali’ tipici della distilleria), c’è subito una leggerissima nota quasi di ‘dado’ che sulle prime ci sorprende, ma che – va detto – svanisce dopo pochi istanti d’aria; ce la siamo sognata? Buon impatto, con una delicata e deliziosa ‘dolcezza’: succo di limone, vaniglia, panna cotta… Poi pasta di mandorle e note fruttate (uva bianca, banana ancora un po’ indietro). Si sente l’aroma di malto, oltre a un che di vegetale (erba fresca, ma anche anice) che pare svelare ulteriormente la giovane età e la ‘pulizia’ di una maturazione certo poco invasiva. Semplice ma fresco e gradevole. Dopo un po’, pare di scorgere anche una lievissima affumicatura.

P: cera, cera, cera! Molto oleoso, in costante dialettica con una dolcezza cremosa molto intensa. Particolare, sembra voler esplodere in frutta gialla e vaniglia ma poi rimane come addomesticato, dominato da note deliziose di marzapane e soprattutto di mela verde; ancora la materia prima si prende il suo spazio, con tracce di orzata che pian piano rivelano note leggermente amare e ancora ‘vegetali’.

F: amarino, vegetale, non lunghissimo ma davvero molto pulito; spiccano una leggera nota affumciata e, soprattutto, una splendida nota di succo di mela che si rivela molto persistente.

Un giovane Clynelish rispettato dalla botte, questa è la sintesi: non è certo molto complesso, ma la giovane età non è affogata dalla botte, che anzi pare molto discreta e mantiene il distillato ‘nudo’, rendendolo però proprio per questo molto interessante. Didattico, in un certo senso, e a chi adora i Clynelish – vi abbiamo già detto che noi… sì, l’abbiamo già detto – non può non far piacere: e infatti, ci piace, e il gioco dei voti si chiude su un 84/100.

Sottofondo musicale consigliato: Aloe Blacc, con una cover di Femme Fatale dei Velvet Underground.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Clynelish 12 yo (1998, Hart Brothers per “Tre Archi”, 46%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com