TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Port Ellen 11th release (1978/2011, OB, 53,9%)

Due settimane fa, all’Ospitaletto Whisky Festival abbiamo messo le mani su un sample di Port Ellen 10th release; considerando che da un po’ di tempo ne tenevamo lì un altro della versione successiva, l’undicesima, abbiamo pensato di assaggiarli l’uno affianco all’altro, per scrutarne a fondo tangenze e diversità. Quando ci ricapita, d’altro canto? Iniziamo con il più recente dei due: 32 anni di invecchiamento, meno di tremila bottiglie prodotte, ed è superfluo dire che ora costa molto più di quando è uscito (e già non era proprio economico). Colore: dorato, chiaro.

lp1-port-ellen-(silent)---11th-release---1979-32-year-oldN: tra le official releases che abbiamo assaggiato, questa è una delle più generose in quanto a “dolcezza”, con una vaniglia cremosa, calda, di grande intensità. Accanto, una frutta prepotente, tra banana matura e suggestioni tropicali, con una nota di pera buona buona. Massiccia pasta di mandorla. Crostata di pere? Crema chantilly. Poi, una nota di scorza d’agrume (cedro candito?) a complicare il lato fruttato. Non è marino, non molto almeno; c’è però la torba a conferire una spiccata ‘isolanità’, con un corollario di note minerali, delicate ma presenti, e una lieve, lieve affumicatura, di grande eleganza. Legno caldo e speziato (erbe aromatiche? tè?). Una mera suggestione di cera, timida. Che naso…

P: ci sorprende un po’ rispetto al naso, e positivamente: c’è tutto quel che avevamo riconosciuto là, ma quella marinità torbata che prima era un po’ in secondo piano, qui si contende lo scettro con una frutta e una dolcezza poderose C’è una nota quasi di caramella, di marshmallow, di grande intensità ma senza mai diventare eccessiva e sfacciata; poi cocco, tanto, quello essiccato e bello dolce, con evoluzioni tropicali, a tratti. Il bilanciamento è però perfetto, perché escono alla grande un fumo acre di torba e note minerali e sapide davvero pregevoli. Eccellente.

F: ripercorre quanto riconosciuto prima, e per per fortuna prolunga un’esperienza ahinoi troppo breve. All’inizio è molto dolce (vaniglia, cocco) poi, senza perdere in intensità, subentra un’affumicatura vegetale e marina (alghe riarse al sole? è una suggestione, sì…) fantastica.

Non ci dilunghiamo nelle considerazioni conclusive, che rimandiamo al prossimo post, quando trarremo le conclusioni del confronto tra decima e undicesima edizione. Di certo, è un Port Ellen elegante, intenso e bilanciato, con concessioni ad una dolcezza fruttata che un po’, a dirla tutta, ci ha colpito per la sua forza. Insomma, poche ciance: 93/100, e a domani per la seconda puntata. Serge la pensa così.

Sottofondo musicale consigliato: My dying brideLike gods of the sun.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=lE_1M2fx87Y]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “Port Ellen 11th release (1978/2011, OB, 53,9%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!