TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Kilchoman 100% Islay (2011 Inaugural release, OB, 50%)

In passato abbiamo già assaggiato un malto della Kilchoman, la distilleria più giovane di Islay; la più giovane e, forse, la più attiva (esclusa Bruichladdich, ca va sans dire). Dato che la produzione è iniziata da poco, la distilleria si deve costruire un pubblico e, non avendo ancora un core range vero e proprio, ogni due per tre tira fuori una nuova bottiglia, generalmente molto ambita dai collezionisti. Ha senso pagare 80 euro per un whisky che al massimo avrà 5 anni? Ai posteri l’ardua sentenza. Noi oggi assaggiamo il 100% Islay rilasciato nel 2011: 3 anni di invecchiamento e orzo tutto coltivato sull’isola. Colore? paglierino chiarissimo.

N: beata gioventù. Tradisce inequivocabilmente la sua età, e come tutti i giovanissimi (al limite del new-make, ricordiamo che per essere whisky deve avere almeno 3 anni) ha delle distinte note – per intenderci – di grappa, ovvero di un alcol forte e molto zuccherino, con punte tra l’amaro e l’anice. Non sappiamo con certezza le botti usate, ma scommetteremmo tutto su bourbon first-fill, perché pur essendo così giovane esibisce le più tipiche note di questo tipo: vaniglia intensa, banana, un po’ di liquirizia. Forti sentori ‘vegetali’: fieno, malto / muesli… Affumicatura tutta isolana, ma poco aggressiva… no peat monster, tutto sommato delicata. Qualche nota ‘acidognola’ sullo sfondo (agrumi / limoni).

P: meglio del naso: subito ci accoglie una intensa nota fruttata (frutta gialla), poi rivela tutta la sua giovane vita su Islay. Molto affumicato e torbato, ancora tanta vaniglia, tanto zucchero, tanto vegetale. Limone. Non c’è traccia di marinità. Possiamo dirlo? Fin troppo dolce. Molto pepato subito prima del finish; raramente abbiamo trovato un pepe così intenso.

F: bello affumicato (posacenere) e persistente, forse un po’ troppo greve e artificiale la dolcezza zuccherina… Resta, ancora, il pepe.

Se dovessimo dare una sentenza in poche parole, diremmo che un malto molto giovane, poco più maturo di un new make, è stato aggredito da botti molto, molto attive. Il risultato è un whisky dolciastro, ma difficilmente questo sarà il marchio di fabbrica della distilleria (invecchierà pure, ‘sto whisky); risulta quindi problematico anche solo divertirsi a ipotizzare come evolverà. Il voto, dunque, non tiene conto delle potenzialità ma solo dell’hic et nunc (un qui e ora da 80 euro…): 78/100, insomma una mezza delusione. Una pacca sulla spalla, di stima, per il carattere artigianale della distilleria.

Sottofondo musicale consigliato: SerebroMama love, per consolarci.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=3wgVbOlz9Us]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “Kilchoman 100% Islay (2011 Inaugural release, OB, 50%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com