TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Lagavulin 21 yo (1985/2007, OB, 56,5%)

L’ultima delle quattro bottiglie aperte alla degustazione di lunedì sera è stato questo Lagavulin 21 anni, invecchiamento in botti di sherry (quercia spagnola, non americana) e 6642 bottiglie prodotte – tutte peraltro scomparse dal mercato in poco tempo. La Lagavulin ha praticamente smesso da anni di vendere botti a imbottigliatori indipendenti (e nei pochi casi in cui ciò accade, non si può indicare esplicitamente il nome della distilleria sull’etichetta), e anche gli imbottigliamenti ufficiali sono davvero pochissimi. Tutti eccellenti, però, a partire dal classico 16 anni che tanti di noi ha folgorato sulla via di Damasco, facendoci cambiare rotta verso Edinburgo e persuadendoci che tutto sommato il whisky è una cosa buona e giusta. Questo 21 anni è un oggetto di culto, vediamo se giustificato: il colore è ramato chiaro, a gridare “sherry” ai quattro venti.

N: sulle prime, anche se la gradazione non è affatto respingente, il naso è piuttosto chiuso, a spiccare sono note di cuoio, di tabacco da sigaro. Torbato, minerale. Annotiamo quella tipica affumicatura da Lagavulin, per ora piuttosto leggera, quasi a contornare gli aromi da sherry: cera, fiammiferi – l’apporto sulfureo è molto delicato e molto buono, mai sgradevole. Odore di pioggia sul ciottolato in un giardino (dai, l’avrete presente…!): quel senso di chiusura di cui sopra è avvicinabile ad un più astratto senso di umidità. Poi, pian piano, ecco venir fuori il lato fruttato: arancia amara (candita), cioccolato all’arancia; frutti rossi, ma piuttosto timidi, più che altro ‘sporcati’ dalle note minerali e tabaccose di prima. Liquirizia amara. Panettone caldo. Con il tempo esce anche un lato balsamico (eucalipto, più che mentolo). Legno, deliziosamente speziato; anice stellato, pochi sentori di cannella. Complessivamente, eccellente interazione tra sherry e malto torbato; costante evoluzione.

P: buonissimo, evolve per fiammate. Cask strenght, non ha bisogno d’acqua. È magnificamente isolano, con note affumicate molto composite: cenere, carbone, “camino spento” per intenderci. La torba è tosta, si sente molto. Attorno a ciò, ecco una deliziosa dolcezza amarognola, ancora sull’arancia (marmellata d’arancia, soprattutto) e sui frutti rossi (mora). Leggermente speziato (pepe? zenzero?).

F: infinito. Fragola matura, cioccolato ai frutti rossi; liquirizia ancora. Soprattutto, però, spiccano le note isolane: tanta torba, un fumo delizioso: falò sulla spiaggia, diremmo (o barbecue sulla spiaggia? si sente quasi arrosto), dato che la marinità viene fuori soprattutto qui (alghe secche, non sale).

Sì, il culto è giustificato. È un whisky semplicemente buonissimo, ma quando parliamo di armonia e bilanciamento in questo caso non si pensi ad un malto docile, morbido: anzi, la sua maggiore qualità sta proprio in una sua ‘rozzezza’ di fondo, è come se il lato torbato/affumicato e quello sherried fossero una coppia di amanti orgogliosi, senza compromessi. Registriamo poi che l’evoluzione del malto con il tempo (l’acqua è del tutto superflua nonostante la gradazione) è davvero notevole. Potremmo annusarlo e berlo per ore e ore: a pensarci bene, forse è meglio che sia una bottiglia introvabile…! Il nostro giudizio è di 94/100; Serge la pensa più o meno come noi (è sempre rassicurante a posteriori trovare analogie tra le nostre recensioni e le sue… vuol dire che non andiamo proprio del tutto a caso!), e anche Jim Murray nella Whisky Bible (del 2010: in quella del 2011 scrive il giudizio ‘sbagliato’ dell’anno prima ma con i voti aggiornati… eddai Jim, più attenzione!) insiste sulla bontà del lato più selvaggio e spigoloso.

Sottofondo musicale consigliato: Kristin AsbjornsenI wish to weep, dall’album Factotum.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

2 thoughts on “Lagavulin 21 yo (1985/2007, OB, 56,5%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com