TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Bruichladdich XVII (46%, OB)

La Bruichladdich è una delle distillerie di Islay che per tradizione non ha mai prodotto whisky caratterizzati da una particolare torbatura; dopo la riapertura e il riavvio della produzione sotto una nuova proprietà tra 2000 e 2001, la nuova Bruichladdich ha allargato in modo straordinario la sua offerta, investendo sui wine-finishing, producendo malti torbati e torbatissimi (Port Charlotte e Octomore) e soprattutto puntando su strategie di marketing molto ‘moderne’ e in definitiva vincenti. Come scrive Serge Valentin qui, questo atteggiamento è dovuto alla necessità di rilanciare il brand: tra qualche anno, con ogni probabilità, i nostri “si daranno una calmata” e faranno qualche passo indietro verso un profilo più stabile. Quest’anno, ad esempio, è uscito il primo 10 anni tutto nuovo, che sembra essere davvero molto interessante (una recensione, sempre di Serge, la trovate qui). Veniamo al nostro 17 anni, ora: il colore è di un bell’ambrato chiaro.

N: molto dolce, immediatamente: miele, zucchero di canna, un po’ di vaniglia sullo sfondo, ma poca. Quel che prevale è malto tostato (fette biscottate!), con la dolcezza che pian piano lascia spazio ad un amarognolo molto gradevole. Latte di mandorla. Ci sono poi note di frutta secca, forse soprattutto albicocche, e di pera matura; sfumature erbose, floreali, ma un po’ astratte. Aggiungendo acqua (comunque non necessaria) non esce il legno ma emerge un po’ di marino, ma con grande discrezione. Buon naso…

P: …non mente: bevibilissimo, cremoso. Dolceamaro come al naso, ancora su mandorla e miele, resta molto piacevole e per nulla stucchevole. Il sapore di malto ci sembra prevalente, con ai lati note di caramello e di agrumi (scorza di limone) a prevalere su un fruttato molto vago (frutta tropicale? Ma ripetiamo, un po’ vago). È un po’ trattenuto, ammesso che abbia senso: non ci sono fiammate di sapore, è un whisky facile (hey, sembra perfetto per noi, no?), godibile ma non straordinariamente complesso, tutto giocato sulle note maltate e su una sobria interazione con le botti.

F: non molto lungo, ma buono: ancora un po’ sull’amarognolo, erbaceo (fieno), un po’ legnoso. Scorza di limone su una fetta biscottata.

Questo Bruichladdich è certamente buono, ben fatto; è un whisky ordinato, coerente, senza picchi e senza stupefacenti spigolosità, ma nel complesso ci piace. Un buon esempio di come ad Islay sappiano fare whisky senza esagerare con la torba; decisamente godibile, ma è forse un peccato che le note fruttate restino un po’ trattenute e quelle costiere, invece, quasi non sbuchino fuori. Comunque il suo 85/100 se lo guadagna onestamente. Qui potete leggere rapide impressioni di due guru come Dave Broom e Micheal Jackson (che, detto per inciso, proverebbe questo whisky in una Caipirinha… boh).

Sottofondo musicale consigliato: un Robin Laing decisamente alticcio che canta la sua Bruichladdich Dram. La versione su disco esiste, ma a nostro gusto è francamente dimenticabile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Bruichladdich XVII (46%, OB)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!