TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(2)

Ailsa Bay(2)

Allt-a-Bhainne(1)

AnCnoc(6)

Ardbeg(55)

Ardmore(17)

Ardnamurchan(2)

Arran(24)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(8)

Aultmore(7)

Balblair(15)

Balmenach(1)

Balvenie(21)

Banff(2)

Ben Nevis(18)

Benriach(17)

Benrinnes(18)

Benromach(16)

Bladnoch(6)

Blair Athol(14)

Bowmore(52)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(31)

Bunnahabhain(38)

Caol Ila(71)

Caperdonich(4)

Cardhu(6)

Clynelish(58)

Cragganmore(4)

Craigellachie(6)

Daftmill(5)

Dailuaine(11)

Dallas Dhu(4)

Dalmore(10)

Dalwhinnie(9)

Deanston(4)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(2)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(13)

Glen Elgin(9)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(18)

Glen Keith(13)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(10)

Glen Ord(4)

Glen Scotia(9)

Glen Spey(3)

Glenallachie(18)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

Glencraig(1)

GlenDronach(26)

Glendullan(4)

Glenesk(1)

Glenfarclas(22)

Glenfiddich(13)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(15)

Glenlochy(1)

Glenlossie(9)

Glenmorangie(13)

Glenrothes(17)

Glentauchers(9)

Glenturret(9)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(7)

Highland Park(38)

Imperial(7)

Inchgower(5)

Isle of Jura(9)

Kilchoman(30)

Kilkerran(11)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(29)

Laphroaig(51)

Ledaig(22)

Lindores(1)

Linkwood(18)

Littlemill(12)

Loch Lomond(7)

Longmorn(22)

Longrow(10)

Macallan(40)

Macduff(12)

Mannochmore(5)

Millburn(1)

Miltonduff(10)

Mortlach(28)

Nc’Nean(1)

North Port-Brechin(1)

Oban(10)

Octomore(9)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(19)

Port Ellen(24)

Raasay(2)

Rosebank(17)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(4)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(11)

Springbank(42)

St. Magdalene(5)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(23)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(13)

Tomintoul(12)

Torahbaig(1)

Tormore(6)

Tullibardine(3)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (66)

Glenrothes Whisky maker’s cut (2018, ob, 48.8%)

Sarà capitato anche a voi, come dice la canzone, di incrociare dei whisky sulla vostra strada. Ok, non nel senso che uscite di casa e sul marciapiede trovate un Glencairn e poi arrivate dal panettiere e lo reincontrate… No, magari vedete una bottiglia da un amico che vi incuriosisce, poi mesi dopo leggete una recensione, e alla fine vi capita di assaggiarlo. Ecco, più o meno con questo Glenrothes ci è successo così. Prima Zuc lo ha assaggiato al volo senza recensirlo in un hotel a Rothes, e dove sennò? Poi abbiamo letto una entusiastica rece del nostro amico Dema sull’Internet. E infine, non sappiamo bene come, il sample si è manifestato nel nostro armadietto. Prodigio e portento, presto ammazziamo il vitello grasso per festeggiare l’apparizione di questa espressione: un NAS della “Soleo collection” invecchiato in barili ex sherry di primo riempimento. Il colore è un bel rame.

N: si apre come certi film horror, con una scena da far tremare i polsi. Subito c’è una zaffata metallica e rugginosa, come di catenacci male oliati, e si sente odore di inferno, diavoli, Malebolge, dannati e zolfo. Insomma, un tranquillo primo naso da Glenrothes. Da qui però è tutta discesa, nel senso che pian piano la coltre sulfurea si dissolve ed emergono cose interessanti. Copertoni e vinile, prima di tutto. Poi pastelli e colori a tempera. Sono note particolarissime, ma ben integrate in un tessuto di arancia, chiodi di garofano, uvetta bruciacchiata… Qualcosa di funghi secchi, a ricordare come se ce ne fosse bisogno che è uno sherry monster scuro. Distillato di prugna e sul finale una virata balsamica: balsamo tigre.

P: proprio come un thriller, è teso e intenso. Il primo sorso sembra subito asciutto, ma meno di altri Glenrothes. La parte sulfurea e sporca è totalmente assente ora e lascia spazio a un sorso pastoso, con note di crema di marroni e cioccolatini cuneesi. Molto avvolgente nonostante l’astringenza, l’effetto è curioso. Buccia d’arancia rossa, marmellata di ciliegie rappresa, liquirizia (ad essere precisi le Elah caramello e liquirizia). In generale, un Oloroso tendente alla frutta secca e a qualcosa di cioccolato più che al tannino. Dolcetti di mandorla.

F: legno umido, carruba, fondo di caffè della moka. Molto lungo e speziato, con un tocco di vino e rancio.

Nella Nazionale del 2006 dei nostri whisky preferiti, Glenrothes è come Perrotta: sta lì, non è che si fa odiare, però se non gioca va bene lo stesso. Non ci ha mai fatti innamorare, per cui quando ne incontriamo uno spesso tiriamo dritto e preferiamo recensire altro. Stavolta però siamo contenti di esserci fermati su questo. Molto particolare, senza compromessi soprattutto all’olfatto, ma insospettabilmente soddisfacente e buono. Non bisogna dimenticare che è un NAS, quindi ragionevolmente non è granché vecchio. Eppure è espressivo, vivace e spigoloso ma senza essere mai contundente. 87/100, bravi tutti.

Sottofondo musicale consigliato: David Bowie – The heart’s filthy lesson

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

FACEBOOK

English Translation in progress