TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

BenRiach Heart of Speyside (2018, OB, 40%)

Da circa 15 anni BenRiach è diventata una distilleria complessa, multiforme, con un core range assortito e che non disdegna rilasci a raffica di single cask ufficiali. E non mancano nemmeno imbottigliamenti con orzo torbato, che la distilleria ha iniziato a distillare già nel 1972. Dopo aver tanto vagato negli anni scorsi tra le mille espressioni della Collina dei cervi rossi (per il nome lamentatevi coi Gaeli, se ci riuscite), ci sembrava allora di fare cosa giusta ripartendo dal principio, da questo Heart of Speyside che inaugura la gamma della distilleria con un assemblaggio di malti senza età dichiarata e invecchiati sia in botti ex bourbon che ex sherry. Effettivamente BenRiach, di recente venduta da quel geniaccio di Billie Walker a Brown Forman assieme a Glendronach e Glenglassaugh, si trova immersa nel cuore dello Speyside, a fianco della sorellina Longmorn, a Elgin. Purtroppo non è visitabile (anche se si può prenotare un tasting qui), cosa che non ha mancato di gettarci nello sconforto l’ultima volta che siamo stati allo Spirit of Speyside e avevamo il nostro B&B a non più di 100 metri dalla distilleria.

benriach-heart-of-speyside-whisky

N. un inizio così così, su new make e metallo (rame). Le note da “pivellino” continuano con bucce di pera e chicco acerbo di orzo: sembra proprio di infilare la testa nel mash tun. Lievito anche. C’è poi una sensazione decadente fra l’umido e l’appassito che ci ricorda fieno bagnato e fiori tipo camomilla.

P. molto giovane e nudo, con albedo di limone a raffica. La zuccherosità del new make è evidente, ma è bilanciata da una certa freschezza erbacea, diremmo di caraway (noi nerd delle spezie siamo così, entriamo in un emporio indiano e scopriamo cose tipo il cumino dei prati…). Nel complesso comunque un palato che non emoziona, abbastanza piatto.

F. di nuovo buccia di limone e fiori secchi da infuso. Corto.

Questo whisky entry level della distilleria (circa 30 euro al dettaglio) arriva alla meta franco e destrutturato, ai limiti dell’estrema nudità. Da una parte è di una gioventù disarmante, il che porta con sé una semplicità eccessiva e un po’ di spigoli sensoriali. Dall’altra però ha il pregio della sincerità e della mancanza di make-up da botte. La distilleria è tra l’altro capace di sfornare whisky godibili anche a età relativamente basse, come il 10 anni base; questo Nas alla fine si porta a casa un 77/100.

Sottofondo musicale consigliato: Rita Indiana & Los Misterios – El blue del ping pong

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “BenRiach Heart of Speyside (2018, OB, 40%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

FACEBOOK

English Translation in progress