Masterclass - La Bevuta Degli Dei - Milano Whisky Festival - SOLD OUT

TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(4)

Ardbeg(41)

Ardmore(10)

Ardnamurchan(1)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(5)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(11)

Benriach(11)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(34)

Braeval(1)

Brora(11)

Bruichladdich(24)

Bunnahabhain(22)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(8)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(14)

Glen Keith(10)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Ord(1)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(9)

Glenburgie(6)

Glencadam(8)

GlenDronach(22)

Glendullan(2)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(11)

Glenglassaugh(4)

Glengoyne(13)

Glenlivet(12)

Glenlossie(5)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(29)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(43)

Ledaig(17)

Linkwood(10)

Littlemill(10)

Loch Lomond(3)

Longmorn(13)

Longrow(9)

Macallan(36)

Macduff(10)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(17)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(11)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(4)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(33)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(17)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(4)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (40)

The Whistler 10 yo (2016, OB, 46%)

Come ormai anche i bambini sanno, il whiskey irlandese è entrato in questi ultimi anni in un periodo d’oro, questo dopo aver seriamente rischiato di estinguersi, con il solo gruppo Irish Distillers (Jameson, Red Breast e altri marchi) a tirare la carretta per buona parte del secolo scorso. E invece, complice anche la felice congiuntura che un po’ tutta l’industria mondiale del whisky sta vivendo, in Irlanda aprono distillerie sia grazie a grandi gruppi multinanazionali che a imprese familiari. Di questa seconda categoria fa sicuramente parte la Boann, situata nella Boyne Valley, vicino alla città di Drogheda. La distilleria è parte del gruppo Na Cuana, nato dallo spirito d’iniziativa e dalla grande passione per il mondo dell’alcol della famiglia Cooney: Na Cuana include il birrificio Boyne, nello stesso sito della

cooney_family
la famiglia Cooney al gran completo, con tanto di cane

distilleria, l’Adams Cider Company, che fa sidro partendo dalle mele dei frutteti della famiglia, e Robert Merry & Co, che produce Irish cream liqueurs. Boann, che ha romanticamente (?) acceso gli alambicchi in quello che era un vecchio showroom di automobili, è stata completata alla fine del 2016 e nel 2018 è partita la produzione. Va da sé che ancora oggi stiamo bevendo gli stock acquistati all’esterno, precisamente da Cooley. La capacità attuale è intorno ai 200.000 litri annui, davvero un nonnulla rispetto ai volumi delle grandi distillerie, ed è stato installato anche un alambicco da 500 litri per la produzione di gin. Il pedigree da microdistilleria è rinforzato tra l’altro dalla scelta di imbottigliare senza aggiunta di colorante e senza filtrazione a freddo, ma ora voliamo verso l’imbottigliamento più anziano della serie The Whistler, un 10 anni invecchiato per 8 anni in botti ex-bourbon e per 2 anni e mezzo in botti ex-sherry Oloroso.

the-whistler-10yoN: il naso è molto carico ma anche fresco, agile e con tanta frutta: mandarino, frutta tropicale; e poi albicocca e prugna secca (proprio la sunsweet!). È poco irish, e d’altronde stiamo parlando di un whiskey ottenuto da solo orzo maltato. Ciliegia sotto spirito! Buccia di mela rossa.

P: al palato si fa molto più sherried, con tanto cioccolato e frutti rossi: Mon Chéri! Scorza d’arancia e bacche di Goji. Attacca secco, il legno asciuga il palato ma è davvero tutto molto intenso, carico, esplosivo anche a gradazione ridotta.

F: lungo, con cioccolato, nocciola e legno dolce.

Dopo il convincente assaggio del Blue Note 7 yo, The Whistler si conferma come una delle realtà più interessanti tra le comparse recenti nel firmamento Irish. Questo 10 anni, che online troviamo attorno ai 50 euro, è tuttavia un whiskey che tradirà irrimediabilmente gli amanti degli irish: non troveremo sbuffi floreali, e nemmeno rassicuranti prati di erba odorosa, ma tanto legno e tanta personalità a forgiare un buon single malt, godereccio, ben fatto: 86/100. Ora non resta che aspettare i primi rilasci interamente prodotti in distilleria. Noi ce ne stiamo curiosi eppure placidi in attesa di quel giorno.

Sottondo musicale consigliato: Ludovico Einaudi – Main Theme from The Third Murder Ost

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “The Whistler 10 yo (2016, OB, 46%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ESCLUSIVA DI WHISKYFACILE!

Ricevi tutte le novità di WhiskyFacile direttamente sulla tua mail!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ESCLUSIVA DI WHISKYFACILE!

Ricevi tutte le novità di WhiskyFacile direttamente sulla tua mail!