TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Plumcake alla ‘Dolcementewhisky’

Oggi andiamo a vedere cosa accade nelle cucine degli altri e a dirla tutta andiamo a curiosare nelle pignatte di ben altri cucinieri. Più precisamente andiamo in quel di Varese, dove il talentuoso Davide Steffenini ha fondato Dolcemente, una pasticceria artigianale che si è guadagnata un’ottima stampa a suon di leccornie sfornate senza sosta da uno staff dall’età media di soli 26 anni. Da un’intuizione di Sebastiano Segalla, istrionico whisky enthusiast nonché farmacista accanito fustigatore di ogni no vax sulla faccia della terra, è poi nato Dolcementewhisky, sito di recensioni di nettari di malto e protesi alcolica della pasticceria. E proprio nella bottega di Davide si organizzano degustazioni con abbinamenti, dolci o salati, purché sia il whisky a far da spalla. Tanto per dire, la prossima serata vedrà protagonista l’imbottigliatore indie italiano Valinch&Mallet, che se un barile non è almeno ottimo proprio non gli riesce di metterlo in bottiglia.

Ma torniamo tra i mestoli e procediamo senza indugi all’indecente scopiazzata. Seguite alla lettera le indicazioni della ricetta, che potete trovare in originale anche sul sito di Sebastiano, e alla fine pare che otterrete dei plumcake da urlo. Piccolo suggerimento: il segreto sta nelle uvette. Ricordate: le uvette…

plum

Ingredienti

  • Farina: 360 gr
  • Uova: 7
  • Burro: 300 gr
  • Zucchero: 300 gr
  • Uvette: 180 gr
  • Canditi: 180 gr
  • Lievito chimico: una bustina

La ricetta

  1. giorni prima mettere a bagno le uvette nel whisky
  2. Tirare fuori il burro ALMENO un’ora prima circa in modo tale che si ammorbidisca ( burro “pomata”)
  3. Preriscaldate il forno a 230°C, statico, non ventilato.
  4. Mescolare il burro con lo zucchero fino ad ottenre un composto omogeneo
  5. Aggiungere 7 tuori d’uovo e mescolare
  6. Aggiungere i canditi e le uvette e mescolare
  7. Aggiungere la farina e il lievito precendemente setacciati e mescolare
  8. Montare a neve 4 albumi, aggiungerli all’impasto e mescolare
  9. Imburrate e infarinate la 4 teglia
  10. Riempite x circa 3/5 la teglia, abbassate il termostato a 180°C e infornate.
  11. Dopo 10 min di cottura , prendete una spatola che avrete intinto in una dose generosa di burro fuso e incidete il plum cake per tutta la per la lunghezza per darne la forma caratteristica
  12. Attendendete circa ulteriori 45 min, dipende dal vostro forno. In ogni caso per sicurezza dopo 40 min controllate la cottura con uno stuzzicadenti che deve uscire asciutto.

Questa ricetta rappresenta le proporzioni da utilizzare, generalmente si utilizza uno stampo da 21 cm. La dose indicata nella ricetta è molto più generosa. Adattatela nelle quantità in base alle dimensioni dei vostri contenitori.

Una nota sul whisky utilizzato da Sebastiano, che all’ultima riga ha anche una confessione scabrosa da farci:

“Da evitare i distillati con aromi “sporchi”, tipo Springbank o Ledaig, sono invece da preferirsi quelli con aromi fruttati e tropicali, come Aultmore, Balblair o Glenmorangie. Anche Bowmore se cercate la torba va benissimo. Sherry cask o bourbon cask è indifferente, ognuno dona una sua impronta molto gradevole. Noi abbiamo utilizzato un Dalmore di 22 anni di Cadenhead (non dite nulla!).”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!