TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Bladnoch 1990 (2012, The Golden Cask, 49%)

Dopo una sosta in Alto Adige, torniamo in Scozia e assaggiamo un malto di una distilleria delle Lowlands, la Bladnoch. Di proprietà della UD (Diageo), la distilleria viene prima ‘silenziata’ e poi venduta negli anni ’90 a Raymond Armstrong (Raimondo Fortebraccio… bel nome, no?), un irlandese deciso a riportarla in attività. Ci ha messo un po’ di tempo, eh, ma alla fine ce l’ha fatta: nel 2000 si riparte con la produzione. La bottiglia che beviamo quest’oggi, messa sul mercato da The Golden Cask di House of Macduff e presentata da Davide all’ultimo Spirit of Scotland (peraltro… il festival si avvicina!); si diceva, la bottiglia di quest’oggi contiene whisky distillato nel 1990 e rimasto a sonnecchiare in botte (ex-bourbon) fino all’anno passato. Colore? Paglierino.

Schermata 2013-01-23 a 11.18.47N: inizialmente spiccano le note di malto. Intense, ma gradevolmente easy, in pieno stile terre basse. Poi un senso di agrumato, limonoso (o cedro? la sensazione è di the al limone zuccherato), poi zucchero di canna e zucchero caramellato. Anche erba fresca, poi capatine nel mondo della frutta: albicocche, frutta gialla sotto spirito, tipo pesche. Vaniglia, in crescita. Forse un pit di anice? L’alcol alla lunga non demorde, purtroppo, restando sempre un po’ invasivo. Col tempo, comunque, e con una goccia d’acqua, si fa più caldo e morbido. Complessivamente, buono.

P: ancora tanto malto (un vero tappeto di cereale) e tantissimo limone, acidognolo e soprattutto amaro (sembra di mangiarsi la scorzetta, o di tenere in bocca il nocciolo di limone); erboso, forse note di genziana. Camomilla lasciata in infusione molto a lungo. La vaniglia, il maltato e le note zuccherine riescono però a riequilibrare il tutto. Col tempo si attenua l’amaro: marmellata d’arancia (sì, è un po’ amara, ma mica scompare del tutto). Non intensissimo, ma beverino: comunque, a dominare è il malto.

F: molto pulito, su malto, cocco, camomilla e vaniglia. Media durata.

Non è affatto male: certo, se dalla Bladnoch vi aspettate whisky intensi e puttanoni, avete mal riposto le vostre attese… Come detto, a dominare del tutto è il malto, con note molto interessanti soprattutto al naso: il palato tende a perdersi un po’, con tanta tanta camomilla ma un senso – come dire – di indeterminatezza. Ad ogni modo, un perfetto esempio dello stile Lowlands: 84/100 è il voto. Ah, costa circa 80 soldi.

Sottofondo musicale consigliato: direttamente dai nostri spacciatori ufficiali di jazz (Jazz Lag, visitate la loro pagina e andate ai loro concerti!), Cyrille Aimée e Diego Figueiredo – Just the two of us, imparate lo scat, ignoranti.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=DaJrWn8wu_k]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Bladnoch 1990 (2012, The Golden Cask, 49%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!