TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Linlithgow 25 yo (1982/2007, Silver Seal, 63,8%)

Saremo persone strane, ma a noi generalmente piacciono i whisky delle Lowlands: da qui provengono whisky particolari, molto delicati e floreali, che non sempre paiono incontrare i gusti degli appassionati, abituati a sapori più forti. Ah, la dittatura dei torbati…! Ad ogni modo, approfondiamo la conoscenza delle terre basse con un prodotto della distilleria St. Magdalene (talvolta a nome Linlithgow in ossequio al paese in cui sorgeva): per la gioia di Celentano, “là dove c’era una distilleria, ora c’è… un condominio”, dato che, come molte altre ora quasi leggendarie (vi dice niente Port Ellen? e Brora?) è stata chiusa nel 1983. Assaggiamo dunque un Linlithgow di 25 anni imbottigliato cinque anni fa dallo storico marchio italiano Silver Seal: 63,4% gradi e un colore paglierino chiaro chiaro.

N: pur avendo una gradazione così hardcore, lascia presagire più di quanto non ci si aspetterebbe. Profumatissimo, in stile Lowlands: sotto la coltre alcolica, ecco spuntare intense note fruttate e zuccherine (susine? vaniglia, tanta ma tanta mandorla); come detto, profumatissimo (anche note di talco, ma in generale diremmo… profumeria! rende l’idea?). Un po’ di tempo gli permette di sviluppare una maggiore vaniglia; l’acqua, poi, apre le sfumature del miele e di un agrumato davvero delizioso, diciamo tra arancia e mandarino. Note di fieno, ma lievi. Punte minerali e metalliche, qui e là, a conferire ulteriore austerità al distillato. Deve piacere, questo profilo castigato da lowlander: ma se non vi piace questo naso, il problema è più vostro che non del whisky… Eheh.

P: senz’acqua, è più espressivo che al naso: camomilla zuccherata, miele… Un buon sapore di malto, che si è fatto per bene le ossa in botte. Biscotti al miele? Miele ai fiori d’arancio? Delicatissime, ma intense, note di arancia e mandarino. L’acqua aumenta l’intensità complessiva: vaniglia, liquirizia, ancora agrumi. Non c’è esplosione di sapori, ma una costante intensità; si capisce quel che intendiamo? Talvolta riscontriamo punte balsamiche, mentolate, ma a farla da padrone è sempre un malto elegante.

F: lungo ma discreto; ancora miele, tanto malto e note minerali.

Inequivocabilmente Lowlands. Il malto, in tutta la sua eleganza, resta abbottonato e si fa apprezzare per la strenua resistenza al legno: in fin dei conti, è il vero protagonista di questo whisky, e da sparring partner agiscono note profumate, agrumate e minerali davvero molto gradevoli. Di rado ci capita di pensarlo, ma probabilmente se fosse stato tagliato con acqua e imbottigliato a una gradazione leggermente più bassa, avrebbe avuto un fascino ancora più immediato. Di certo, c’è piaciuto: 89/100, intorno ai 200 euro.

Sottofondo musicale consigliato: Bruno MartinoE la chiamano estate.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=Cn-jqdYe9iM&w=610&h=458]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

One thought on “Linlithgow 25 yo (1982/2007, Silver Seal, 63,8%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!