TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Glenlossie 13 YO (2006/2020, WHISKYFACILE, 59,5%)

GLENLOSSIE

Carichi a pallettoni come Elon Musk sulla sua Space X e ricolmi di entusiasmo fino alla punta delle orecchie come Spock di Star Trek, dopo aver attraversato indenni la galassia dell’estate, torniamo a velocità supersonica a parlarvi di noi. Già, perché il poema (o filastrocca, sarete voi insindacabili giudici delle nostre velleità) dei whisky selezionati da noi stessi medesimi si arricchisce di altri due capitoli. D’altronde è pur sempre una A Space Whisky Odyssey e non si è mai vista un’odissea di soli tre capitoli, figuriamoci un’odissea spaziale!
Dunque vi presentiamo oggi il Chapter IV della nostra fatica omerica, dedicato a un personaggio enigmatico, ovvero i Lotofagi. I quali – giusto per fare un ripasso – sono dei tossicomani ante-litteram, una via di mezzo fra De Niro nella fumeria d’oppio alla fine di “C’era una volta in America” e i ragazzi dello zoo di Berlino. Solo che si stordiscono di fiori di loto per dimenticare e coccolarsi nell’oblio della piacevolezza. Stanno senzapenzier’, insomma. Ma veniamo al whisky: si tratta del Refill bourbon hogshead #3296 (grado pieno, colore naturale e zero filtraggio a freddo), distillato nel 2006 alla Glenlossie distillery, sapientemente custodito nei magazzini di Signatory e da noi scelto fra i parecchi campioni che siamo riusciti ad ottenere grazie all’intercessione di Paolo Gargano, che attraverso Fine Spirits e La Maison du Whisky ha raggiunto le warehouse di Pitlochry.
Potremmo raccontarvi che il legame con i Lotofagi è dettato dall’analogia dell’attesa: Ulisse arriva alla loro terra dopo nove giorni di tempesta, noi dopo 4 mesi dall’ultimo nostro imbottigliamento. La realtà invece è ben più autoironica: semplicemente, inebriati dal suo profilo davvero unico, ci siamo scapicollati a bloccarlo e ci siamo dimenticati di controllare un dettaglio… Così, dopo esserci ripresi dall’overdose di gioia, ci siamo accorti che è stato imbottigliato un giorno prima del suo 14esimo compleanno. Buona lezione per il futuro: le droghe fanno male, ma non quanto la simpatica cialtroneria. Solo che dalle droghe ci si disintossica, dalla simpatica cialtroneria noi non ci disintossicheremo mai. E forse è anche meglio così. Versiamo e beviamo, come sempre niente voti ma solo tasting notes. Il colore è dorato, con venature verdi (forse abbiamo esagerato, anche con le droghe).

GLENLOSSIE

N: La prima impressione è di un’intrigante delicatezza. Una frutta fragrante ci accoglie, freschissima, proprio appena sbucciata: pesca bianca, ananas e un agrume verde pimpante (buccia di lime, ma soprattutto un aromatico bergamotto). Olio essenziale di agrumi. Quello che ci ha colpito la prima volta che ci abbiamo messo sopra i nostri orridi nasi è stata questa vivacità di profumi, ingentilita e resa ancor più elegante da sfumature vegetali e floreali. No, purtroppo non sono fiori di loto, ma gelsomino, felci e un senso di amido e stireria. C’è poi, sotto questi veli leggiadri, il corpo ricco di Glenlossie, con un goloso tocco di burro fresco che si alterna alla vaniglia, in crescendo con qualche goccia d’acqua.

P: a quasi 60 gradi, il primo sorso è una sciabolata di sapore, con l’alcol che non si tira indietro ma non infastidisce. Pochi secondi ed esplode la frutta, ancora bianca e verde, ancora croccante e minerale. Ancora lime e yuzu, mela Granny. C’è un iridescente gioco di dolcezza e acidità che ricorda l’uva bianca con la buccia. Questo lato succoso e acerbo è perfettamente bilanciato dalle spezie del legno (ginger ale, curry verde thai) e da quel che ci pare il “nucleo”, il cuore di questo whisky: un cereale setoso e lussureggiante e una deliziosa oleosità che avvolge la bocca e invita a replicare la bevuta. Con la diluizione emerge una nota più amara di albedo di limone e té Earl Grey.

F: medio lungo, tornano ananas e felce. Si fa cremoso, con cioccolato bianco pastoso e mandorla.

Non ci caverete un giudizio, siamo gente retta e con un senso dell’etica inscalfibile, ma quel che ci è piaciuto davvero tanto di questo whisky è la poliedrica raffinatezza. Nel senso che – da qualsiasi parte lo si prenda – riesce sempre ad essere composto e fine, mai una nota fuori dalle righe, mai un accenno sgraziato. In generale, il dna vegetale e oleoso di Glenlossie sembra quasi aver trovato un’espressione esemplare, dove la frutta, la spezia e il corpo si dividono democristianamente la scena e governano per decenni. Quarta Repubblica dei Lotofagi, avrai il nostro voto! Se anche voi volete aderire, ecco il link per acquistarlo.

Sottofondo musicale consigliato: Astor Piazzolla – Oblivion.

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on tumblr
Share on whatsapp
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on telegram

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com

RUBRICHE

INSTAGRAM

FACEBOOK

English Translation in progress