TASTING NOTES

Aberfeldy(5)

Aberlour(12)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(2)

AnCnoc(6)

Ardbeg(41)

Ardmore(12)

Ardnamurchan(2)

Arran(22)

Auchentoshan(9)

Auchroisk(5)

Aultmore(6)

Balblair(14)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(12)

Benriach(17)

Benrinnes(11)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(11)

Bowmore(35)

Braeval(2)

Brora(11)

Bruichladdich(26)

Bunnahabhain(29)

Caol Ila(62)

Caperdonich(4)

Cardhu(4)

Clynelish(45)

Cragganmore(4)

Craigellachie(5)

Daftmill(3)

Dailuaine(7)

Dallas Dhu(3)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(9)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(7)

Glen Elgin(6)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(16)

Glen Keith(12)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(9)

Glen Ord(2)

Glen Scotia(8)

Glen Spey(2)

Glenallachie(16)

Glenburgie(7)

Glencadam(8)

GlenDronach(24)

Glendullan(3)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(12)

Glenglassaugh(5)

Glengoyne(13)

Glenlivet(13)

Glenlossie(8)

Glenmorangie(10)

Glenrothes(15)

Glentauchers(5)

Glenturret(5)

Glenugie(2)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(6)

Highland Park(32)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(8)

Kilchoman(26)

Kilkerran(10)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(25)

Laphroaig(44)

Ledaig(20)

Linkwood(12)

Littlemill(11)

Loch Lomond(6)

Longmorn(18)

Longrow(10)

Macallan(39)

Macduff(12)

Mannochmore(3)

Millburn(1)

Miltonduff(8)

Mortlach(23)

North Port-Brechin(1)

Oban(7)

Octomore(7)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(18)

Port Ellen(18)

Raasay(1)

Rosebank(13)

Royal Brackla(8)

Royal Lochnagar(3)

Scapa(5)

Speyburn(1)

Speyside(7)

Springbank(34)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(3)

Talisker(18)

Tamdhu(5)

Tamnavulin(1)

Teaninich(5)

Tobermory(12)

Tomatin(10)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (52)

Ardbeg 1972/2003 (OB for Velier, 49,9%)

Il whisky più atteso, alla degustazione di lunedì scorso, era certamente l’Ardbeg del 1972, imbottigliato nel 2003 per l’importatore italiano Velier. Gli Ardbeg di questi anni hanno una fama eccezionale: ricordiamo che fino al 1977 l’orzo veniva maltato direttamente in distilleria, e la cosa – dicono i professionisti – conferiva al distillato un carattere mai più eguagliato successivamente. Le 246 bottiglie messe in commercio sono ormai una rarità: è assai difficile trovarne, anche all’asta, e anche quando doveste riuscire a farcela, siate pronti a spendere almeno 1200 o 1300 euro. Ne consegue che le possibilità di bere effettivamente questo whisky in futuro sono davvero minime – ringraziamo ancora Andrea e Giuseppe per aver deciso di aprire una delle loro bottiglie…! La selezione della botte (#2782) si deve al distillery manager tra il ’97 e il 2006, ovvero Stuart Thomson, figura semi-leggendaria su cui gli aneddoti si sprecano… Ma noi non ve ne diremo neanche uno, perché adesso siamo troppo impegnati ad assaggiare questo capolavoro, e, di conseguenza, a godere… Il colore è di un bel giallo paglierino.

cask #2782

N: ad accoglierci c’è un’affumicatura netta ma ingentilita dai 30 anni di invecchiamento, immediatamente integrata e presto messa in secondo piano da una fitta gamma di aromi. Proviamo ad andare con ordine: la marinità c’è tutta, tra note iodate e alghe secche, e accanto a questo un torbato molto lieve. Poi, puro delirio, l’universo mondo: dolce di mandorle, vaniglia (il noumeno della vaniglia, una ur-vaniglia!), cocco fresco, sidro / succo di mela, kiwi maturo; meringa. Marmellata d’arancia; cremoso (crema al limone, preparato per torte). C’è poi anche un lato vegetale, erbaceo, se pure a vampate: liquirizia, anice; foglie di tè. Chiudendo gli occhi, sembra di entrare in una pasticceria; poi li richiudi di nuovo e sembra di stare in riva al mare; li richiudi ancora e stai davanti ad un camino acceso… Esperienza totale. Non si sente mai il bisogno di aggiungere acqua, ci pensano il tempo e l’aria a mantenere questo whisky in costante evoluzione.

P: WOW! Mai assaggiata una cosa così. Di grande coerenza rispetto al naso: non stiamo a ripetere quanto scritto al naso, ma la gamma di sapori dolci (ancora tra mandorla, vaniglia, marmellata d’arancia, frutta tropicale) colpisce la lingua a fiammate, mentre la sensazione generale al palato è di un’affumicatura salata veramente strabiliante. Questa intensità è forse l’unica deviazione rispetto al naso, che lasciava presagire ad un fumo meno marcato: a colpire è appunto l’intensità dell’affumicatura, dopo 30 anni in botte…

F: non smette mai, un finale lungo fino al giorno successivo… Infinito e potentissimo. Cenere, torba, camino spento. Punte, qua e là, di menta e limone. Un poco di sale. Succo di arancia amara.

La sintesi di tutte le parole spese finora è: spettacolare. Le opportunità di assaggiare whisky di questa qualità e di questa epoca si vanno fisiologicamente riducendo con il tempo, ma possiamo garantire che ne vale la pena. E’ un’esperienza diversa, superiore, oltre che didatticamente utile: aiuta a spostare in alto l’asticella dell’esigenza e a ricollocare in una dimensione di ‘normalità’ molto di ciò che si beve di solito. In questo whisky tutto è armonioso: complessità, bilanciamento, intensità degli aromi… Tutto si fonde perfettamente, è uno e cento whisky insieme. Il nostro giudizio è di 95/100; qui potete leggere l’opinione di Serge Valentin.

Sottofondo musicale consigliato: Nina SimoneSinnerman, un capolavoro adeguato al whisky cui s’accompagna.

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on tumblr
Share on whatsapp
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on telegram

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!

VUOI SCRIVERCI?

info@whiskyfacile.com