TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Port Charlotte ‘PC6’ (2007, OB, 61,6%)

Quando è uscito questo PC6 noi eravamo degli alcolizz… ehm, degli appassionati di whisky alle prime armi, e un po’ alla cieca, come si fa quando si è agli inizi, ci siamo fatti sedurre e ne abbiamo comprato una bottiglia, che abbiamo tenuto lì per anni senza aprirla, portandole un rispetto quasi sacrale. Ormai la nostra boccia (che compare in una foto qui sopra, ogni tanto) è quasi finita, e abbiamo pensato fosse giusto tributarle il giusto omaggio, recensendola ‘ammòdino’, come si dice sull’Arno. Quindi: versione mediamente torbata di Bruichladdich, distillata nel 2001, invecchiata in botti di bourbon e di Madeira, imbottgliata nel 2007. Siamo su Islay, per chi si fosse distratto. Colore? Ambrato chiaro.

pclob-2001v1N: questi 61,6% richiedono una certa cautela… Appena si scioglie un po’, si sente tutta la sfrontatezza affumicata isolana (?), rivelando un malto davvero assertivo: un fumo di torba ancora nervoso e di crescente intensità (catrame) pare dimenarsi nel bicchiere, accanto a un’altrettanto esuberante dimensione zuccherina. Si distingue una dolcezza di canditi, di vaniglia, di pasticceria, che arrotonda e sfuma molto. Crostata di frutta, perfino, forse torta di cioccolato e pere (certamente in queste impressioni avrà influito l’invecchiamento parziale in Madeira…). Si riaffaccia un lato marino (alghe, iodio) assieme a note minerali. Pelle appena conciata, fantastico! Suona strano dirlo, lo sappiamo, ma è un aroma molto ben integrato nel contesto. Con acqua il panorama non muta molto: si apre soprattutto la dolcezza, alleviando un poco l’intensa affumicatura e virando su note quasi ‘vegetali’, d’orzo.

P: sbababàm! Babàm! Sberebèm! Impetuoso, esplosivo, devastante. Un candelotto di dinamite in gola: molto avvolgente, con una coltre di legna calda, liquirizia a vagonate, un tripudio di vaniglia… Ma non solo: la torba c’è, molto intensa ma delicata, ben integrata nel profilo complessivo; poi, una dolcezza composita (crostata di fragole; ha un che di molto marmellatoso, magari d’arancia… c’è un qualcosa di agrumato, anzi, sì: scorzette d’arancia). Con acqua, stavolta non si apre tanto la dolcezza quanto piuttosto una maggiore affumicatura, regalando anche qualche nota pepata, forse proprio di peperoncino.

F: liquirizia in-fi-ni-ta, poi cumuli di torba e fenoli. Forse è qui che il lato marino si svela ed esce più massiccio.

Bevendo i Port Charlotte, ufficiali e indipendenti, è sempre una sola la domanda: ma come diavolo fanno a essere così buoni essendo così giovani? Ed anche: assaggiandolo ‘blind’, scommetteremmo qualcosa su un whisky di soli sei anni? Colpisce davvero l’intensità degli aromi, comunque mai eccessivamente ‘ruffiani’; un ottimo prodotto, non c’è che dire, soliti complimenti a Jim McEwan per la sua ennesima creazione – Port Charlotte che, lo ricordiamo, ormai ha raggiunto i dieci anni e più… Questa bottiglia costava circa 80 euro, ora all’asta va a poco più di 200. Il nostro giudizio è di 88/100, mentre Serge la pensa così e Ruben così.

Sottofondo musicale consigliato: Dire StraitsLady writer.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=BlD6jCGVU4A]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

4 thoughts on “Port Charlotte ‘PC6’ (2007, OB, 61,6%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!