TASTING NOTES

Aberfeldy(4)

Aberlour(10)

Abhainn Dearg(1)

Ailsa Bay(1)

AnCnoc(3)

Ardbeg(39)

Ardmore(7)

Arran(21)

Auchentoshan(8)

Auchroisk(4)

Aultmore(4)

Balblair(13)

Balmenach(1)

Balvenie(17)

Banff(1)

Ben Nevis(10)

Benriach(11)

Benrinnes(10)

Benromach(12)

Bladnoch(6)

Blair Athol(10)

Bowmore(33)

Braeval(1)

Brora(10)

Bruichladdich(23)

Bunnahabhain(20)

Caol Ila(54)

Caperdonich(3)

Cardhu(3)

Clynelish(43)

Cragganmore(2)

Craigellachie(5)

Daftmill(2)

Dailuaine(6)

Dallas Dhu(2)

Dalmore(9)

Dalwhinnie(4)

Deanston(3)

Dufftown(5)

Edradour(3)

Fettercairn(1)

Glasgow(1)

Glen Albyn(1)

Glen Garioch(6)

Glen Elgin(5)

Glen Flagler(1)

Glen Grant(13)

Glen Keith(8)

Glen Mhor(3)

Glen Moray(6)

Glen Scotia(7)

Glen Spey(2)

Glenallachie(6)

Glenburgie(5)

Glencadam(6)

GlenDronach(21)

Glendullan(1)

Glenfarclas(20)

Glenfiddich(10)

Glenglassaugh(2)

Glengoyne(13)

Glenlivet(11)

Glenlossie(3)

Glenmorangie(9)

Glenrothes(14)

Glentauchers(4)

Glenturret(5)

Glenugie(1)

Glenury Royal(1)

Hazelburn(5)

Highland Park(28)

Imperial(5)

Inchgower(3)

Isle of Jura(7)

Kilchoman(25)

Kilkerran(9)

Kininvie(1)

Knockando(1)

Lagavulin(23)

Laphroaig(42)

Ledaig(12)

Linkwood(8)

Littlemill(10)

Loch Lomond(1)

Longmorn(11)

Longrow(9)

Macallan(35)

Macduff(7)

Mannochmore(2)

Millburn(1)

Miltonduff(7)

Mortlach(20)

North Port-Brechin(1)

Oban(6)

Octomore(5)

Old Pulteney(5)

Pittyvaich(4)

Port Charlotte(16)

Port Ellen(17)

Rosebank(11)

Royal Brackla(7)

Royal Lochnagar(2)

Scapa(3)

Speyburn(1)

Speyside(6)

Springbank(32)

St. Magdalene(4)

Strathisla(3)

Strathmill(2)

Talisker(16)

Tamdhu(5)

Teaninich(4)

Tobermory(11)

Tomatin(9)

Tomintoul(11)

Tormore(4)

Tullibardine(2)

Wolfburn(2)

Undisclosed Distillery (36)

Blended Whisky(62)

Grain Whisky(10)

World Whisky(97)

Japanese Whisky(33)

Italian Whisky(13)

Rum(26)

Talisker Distiller’s Edition (1999/2010, OB, 45,8%)

La serie Distiller’s Edition dei principali malti (i Classic Malts) della Diageo comprende – in parole povere – le versioni base di quei malti con un’ulteriore maturazione, generalmente non lunghissima, in botti particolari. Il Caol Ila D.E., come sappiamo, passa un po’ di tempo in botti di Moscatel; il Talisker, invece, trascorre qualche mese in botti di sherry Amoroso, una varietà particolarmente dolce e utilizzata per lo più per cucinare… Vediamo se questo Talisker è stato cotto a puntino: il colore, ramato chiaro, ci ricorda che una goccia di caramello dev’essere passata dalle parti dell’isola di Skye.

N: sulle prime, l’alcol è un po’ pungente; l’affumicatura è leggerissima rispetto al 10 e al 18 anni. Molto “legnoso” (legno umido, lucido per legno) e molto, molto fruttato (mela, frutti rossi, uvetta); l’apporto dello sherry è – come dire – invasivo, con note quasi di melassa e di cola (il ghiacciolo che mangiavate da bambini: sì, vi dicevano “alla cola” ma in realtà era tamarindo… insomma, dai, ci siamo intesi). Marinità zero, pepatino più o meno, non molto affumicato: a dirla tutta, superato lo shock di un Talisker così ‘dolce’, dopo un po’ dobbiamo riconoscere che non è stucchevole. Va bene la melassa, ma non è un naso melenso.

P: uhm, dolciastro, annacquato (il corpo è deboluccio), pepatino. E’ succoso, con un balletto di frutta secca e non (arancia, in particolar modo, quasi mandarino) molto gradevole; cioccolato amaro. Come al naso, con meno legno (resta una nota di liquirizia) e più agrume. Vinoso, ha un che di amarognolo; l’affumicatura quasi non si sente.

F: fruttato, piacevole, non entusiasmante. Punte di cenere?

Non è male, ma d’altro canto non c’è quasi niente al mondo che possa rovinare un Talisker (beh, a parte quel mio cugino che col 18 anni ci corregge il caffè: ma è un caso perso). Stupisce come la tipica marinità sia stata letteralmente travolta dall’Amoroso, cosa che magari farà storcere il naso ai puristi: ciò non toglie che in sé sia un buon whisky, anche se a un naso relativamente complesso e godibile corrisponde un palato piacevole per qualità dei sapori ma deludente per corpo. Comunque, 84/100: tutti a casa contenti. Questo il parere di Serge, qui quello di Oliver (al quale dobbiamo dire che no, il bacon proprio non l’abbiamo sentito).

Sottofondo musicale consigliato: Sebastien TellierL’amour et la violence.
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=CV65tWCZALI]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

4 thoughts on “Talisker Distiller’s Edition (1999/2010, OB, 45,8%)

Rispondi a Talisker | whiskyfacile Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERCHé WHISKY FACILE? LA RISPOSTA CE L’HA BUSCAGLIONE…

ISCRIVITI ALLA  NOSTRA NEWSLETTER!